Terremoto e Neve. Salvini: "Italiani al gelo, migranti in hotel"!

Ci si mettono proprio tutte contro questa 'povera Italietta' scombinata e terremotata, senza nè capo nè coda, massacrata dall’euro e presa per il collo dal debito pubblico, disoccupata, violentata, derubata e impoverita dalla mala-politica e adesso messa in ginocchio anche dalla natura che non le dà più tregua. Terremoto, neve, alluvioni, frane e slavine: un disastro! La gente del Centro Italia, impaurita dalle terribili scosse di un terremoto senza fine, con le città coperte di neve e con temperature rigidissime è scesa in strada in preda al panico.
II Centro Italia è in ginocchio! Da tre giorni nevica senza sosta, decine di migliaia di persone sono rimaste senza acqua e senza elettricità, bloccate in casa o peggio ancora nelle tendopoli. L'Abruzzo è sicuramente la Regione più colpita, ma l'emergenza neve preoccupa soprattutto i terremotati che vivono nelle tende della Protezione civile. "Che qualcuno si occupi dei diritti dei migranti da mattina a sera e si dimentichi degli italiani sotto la neve - ha commentato Matteo Salvini - mi sembra francamente incredibile. Quello che arriva dal cielo non sempre è prevedibile, ma che ci siano ritardi a livello locale, a livello di Prefetture e a livello di governo mi sembra assolutamente evidente.". Proprio nella giornata di oggi Matteo Salvini si recherà in alcune zone terremotate. Primo appuntamento a Pescare alle 9:30 in piazza Unione, alle ore 12 a Teramo al Parco della Scienza e infine a l'Aquila alle ore 15. E sul web rimbalza su tutti i social il commento del segretario legista: "Che qualcuno si occupi dei diritti dei migranti da mattina a sera e si dimentichi degli italiani sotto la neve e colpiti dal terremoto mi sembra incredibile. P.s. Attenzione, se la pensate come me, potrebbero chiamarvi 'sciacalli'... Roba da matti! Orgoglioso di dire: #primagliitaliani".
L’ITALIA STA CROLLANDO. Crollano scandalosamente - per colpa dell’incoscienza e dell’inettitudine di una classe dirigente figlia degli squali della politica - persino, gli edifici di recente costruzione. Crollano le richieste di lavoro. Crolla lo stato sociale. Crolla l’economia. Crollano, pure, quelle poche certezze che un tempo avevamo: casa, lavoro, salute, famiglia, risparmio. Ma non crollano i responsabili dello sfascio. La gente sedotta e abbandonata dai parolai di turno, ingannata dai demolitori della democrazia, dovrebbe prenderne seriamente coscienza e crearsi una propria scala Richter in grado di creare un ’terremoto-politico’ di magnitudo tale da demolire tutti gli obbrobri della mala-politica.

Commenti

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DEL MESE

Cronaca di un ‘ceto medio’ che non c’è più.

Mille euro per tutti!?

Roma Capitale, #alberiperilfuturo. E per Via Savona!?

Il carabiniere cade, gli antifascisti lo pestano.

Lo zoo nell’urna, dal giaguaro smacchiato di Bersani al panda carnivoro di Grillo passando per altre 'bestiali' amenità.

La globalizzazione del lavoro al minimo sindacale.

San Remo. L'Italia, ingabbiata dalla crisi, non canta per amor, canta per rabbia!