Tumore al seno: l'autopalpazione è il primo controllo da fare!

Il tumore al seno è la forma più frequente di tumore nelle donne: un carcinoma diagnosticato su tre è al seno! Solo nel 2016 in Italia ci sono stati 50 mila nuovi casi. Fondamentale in questo tipo di tumore è la prevenzione che sta facendo tanto e grazie alla quale si ottengono le più alte percentuali di guarigione grazie, appunto, alla diagnosi precoce. Per questo è importante individuare i fattori di rischio ed eventualmente correggere gli stili di vita.
Gli oncologi spiegano tutto ciò che c'è da sapere sul tumore al seno a cominciare proprio dai fattori di rischio che oltre a elementi inerenti lo stile di vita, come fumo, abuso di alcolici, alimentazione ricca di grassi e povera di frutta e verdura, sovrappeso e sedentarietà, giocano un ruolo importante sia l’età, sia la familiarità o ereditarietà. Stando alle statistiche, infatti, prima dei 30 anni il tumore mammario è abbastanza raro, ma dopo i 40 i casi aumentano in modo graduale fino a raggiungere l’apice dopo la menopausa. Il rischio di sviluppare questo tumore è maggiore anche se madre, sorelle o altre parenti sia della famiglia materna sia di quella paterna, ne sono state colpite, specie se prima dei 40 anni. In particolare la presenza di mutazioni in due particolari geni, chiamati BRCA1 e BRCA2, aumenta le possibilità di ammalarsi nel corso della vita rispettivamente del 65% (BRCA1) e del 40% (BRCA2). Nelle donne sane con mutazione accertata dei geni BRCA1-BRCA2 va iniziato un programma di controllo in giovane età. È importante che le donne imparino a conoscere il proprio corpo e a valutarne le modifiche. Se con l'autopalpazione si riscontra un nodulo al seno prima non presente è sempre buona regola non trascurarlo, sebbene nella maggior parte dei casi si tratti di formazioni benigne, a maggior ragione se compaiono in giovane età. Altri campanelli d’allarme comprendono perdite di liquido o sangue dal capezzolo oppure alterazioni del capezzolo, che può, per esempio, apparire retratto all’interno della mammella; ulteriori possibili segnali sono il rigonfiamento dei linfonodi nell’ascella, intorno alla clavicola o al collo. Fondamentali sono le visite e gli esami di controllo che variano a seconda dell’età. A tutte le donne, dai 20 anni in poi, si consiglia di effettuare con regolarità l'autopalpazione per poter riconoscere eventuali cambiamenti o la comparsa di noduli. Si consiglia poi la visita annuale del seno e in caso di familiarità o noduli sospetti, ecografia o biopsia del nodulo. Tra i 40 e i 50 anni, alle donne con familiarità si consiglia una mammografia annuale, meglio se associata a un'ecografia. Tra i 50 e i 60 anni mammografia ogni due anni (esiste un programma di screening gratuito). Oltre i 70 è meglio continuare a fare la visita al seno e la mammografia ogni due anni. Quanto alla diagnosi precoce, è bene sapere che la mammografia permette di evidenziare un nodulo prima ancora che possa essere palpabile, mentre l’ecografia mammaria consente di valutare le dimensioni delle formazioni presenti nel seno e i loro bordi. È l’indagine di prima scelta per le donne sotto i 30 anni. La risonanza magnetica è invece indicata in casi specifici, per esempio quando le mammelle sono molto dense o in presenza di lesioni difficili da classificare. L’agoaspirato e l’agobiopsia prevedono il prelievo di un frammento di tessuto da un nodulo o da una formazione sospetta mediante un ago per la sua successiva analisi citologica o istologica.

Nessun commento:

Posta un commento

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)