Un farmaco capace di rigenerare i denti.

Finalmente una buona notizia capace di ridare il sorriso a tutti! A Londra i ricercatori del King's College hanno individuato nel "Tideglusib" la capacità di attivare le cellule staminali della polpa di dente. Di fatto questo farmaco 'potrebbe' rigenerare la parte danneggiata che non produce più dentina. “Il nostro approccio è semplice e permette il trattamento di grandi cavità,
fornendo protezione alla polpa e il ripristino della dentina”, ha affermato uno dei ricercatori, Paul Sharpe. “Inoltre utilizzando un farmaco già testato in studi clinici per il morbo d’Alzheimer è possibile accelerare il processo che lo renderà fruibile nelle cliniche come trattamento dentale. Il dente non è solo un grumo di minerale. Con le otturazioni si sostituisce tessuto vivo con cemento inerte”, ha affermato il ricercatore. "Funzionano bene, ma per riparare il dente sicuramente il nostro sarebbe un approccio migliore, perché ripristina la sua vitalità”. Secondo le nuove tecniche portate avanti dai ricercatori, il Tideglusib stimola le cellule e rigenera la dentina senza l'intervento di sostanze estranee. Il farmaco in questo momento è stato testato sui denti dei topi con ottimi risultati. Il prossimo passo sarà la sperimentazione sull'uomo.

Commenti

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DEL MESE

Cronaca di un ‘ceto medio’ che non c’è più.

Mille euro per tutti!?

Roma Capitale, #alberiperilfuturo. E per Via Savona!?

Il carabiniere cade, gli antifascisti lo pestano.

Lo zoo nell’urna, dal giaguaro smacchiato di Bersani al panda carnivoro di Grillo passando per altre 'bestiali' amenità.

La globalizzazione del lavoro al minimo sindacale.

San Remo. L'Italia, ingabbiata dalla crisi, non canta per amor, canta per rabbia!