Eurozona, crescita record per economia e posti lavoro. Italia, maglia nera, fanalino di coda della Ue!

Nonostante ci sia l'Italia a tenere bassa la media europea con i suoi dati disastrosi su tutti i fronti, l'attività economica nell'Eurozona a febbraio è balzata inaspettatamente ai massimi di sei anni con una crescita "quasi record", e la creazione di nuovi posti di lavori ai massimi di nove anni e mezzo: è quanto emerge dall'indice Pmi composito, l'indice anticipatore più accreditato che raccoglie le stime dei direttori degli acquisti nei settori servizi e manifattura. L'indice è salito a 56 da 54,4
di gennaio, indicando che l'Eurozona va verso una crescita dello 0,6% nel primo trimestre 2017. Gli economisti si aspettavano, al contrario, un calo del Pmi a 54,3. Secondo Ihs Markit, la società londinese che raccoglie i dati, i nuovi ordini e l'ottimismo delle imprese indicano un'espansione potenzialmente più forte nei prossimi mesi. In Francia, l'indice composito dei direttori degli acquisti segna 56,2 da 54,1 di gennaio contro previsioni per un calo a 53,8. In Germania lo stesso indice segna 56,1 contro previsioni per un dato invariato a 54,8 secondo i dati Bloomberg.

Commenti

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DEL MESE

Cronaca di un ‘ceto medio’ che non c’è più.

Mille euro per tutti!?

Roma Capitale, #alberiperilfuturo. E per Via Savona!?

Il carabiniere cade, gli antifascisti lo pestano.

Lo zoo nell’urna, dal giaguaro smacchiato di Bersani al panda carnivoro di Grillo passando per altre 'bestiali' amenità.

La globalizzazione del lavoro al minimo sindacale.

San Remo. L'Italia, ingabbiata dalla crisi, non canta per amor, canta per rabbia!