Il lavoro più noioso? Quello dell'avvocato!

Finito il week end si ritorna a lavoro. Che barba, che noia! Ma qual'è il lavoro più noioso in assoluto? Quello dell'avvocato e in genere quelli che hanno a che fare con la legge. Il Paese in cui ci si annoia di più al lavoro? L'Italia, pari merito con gli Emirati Arabi. Almeno secondo l'ultimo studio di 'Emolument', società inglese che si occupa di consulenza. Dalle risposte dei 1.300 lavoratori, emerge che i professionisti del diritto sono i dipendenti meno ottimisti, con 8 su 10 (81%) che si dicono annoiati dal lavoro. Perché? Soprattutto per la ripetitività dei compiti quotidiani. Non va molto meglio per chi si occupa di project management: la noia riguarda il 78%. Mentre meno di uno su due (il 45%) di chi lavora nel settore della Ricerca e dello Sviluppo (Research & Development) è annoiato:
i dipendenti rimangono vigili e motivati. Ciò che sorprende di più è che, dal dipendente al dirigente, tutti sono annoiati: la differenza, in percentuale, è davvero minima. Quanto ai Paesi in cui ci si annoia di più, sul gradino più alto del podio ci sono gli Emirati Arabi e l'Italia con l'83% seguiti dagli Usa (74%). Quanto agli italiani, l'instabilità e l'incertezza dell'economia italiana dopo la crisi del 2008, capita spesso che preferiscano non cambiare anche se profondamente annoiati dalla loro vita lavorativa. La sorpresa arriva dalla Svizzera, dove solo il 51% dei lavoratori è annoiato, trovando in modo chiaro la motivazione e il dinamismo nel giusto equilibrio tra lavoro e vita privata oltre a un elevato standard di vita.

Nessun commento:

Posta un commento

freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

freeskipeer si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)