In Italia il 'pieno di benzina' più caro d'Europa.

Stipendi più bassi d'Europa e prezzi alle stelle! Casa e automobile sono i beni più tassati dal fisco e la proprietà è diventata un peso insostenibile, un incubo. I soldi in banca, rendimenti sotto lo zero, un rischio costante. E tra i tantissimi primati negativi dell'Italia c'è anche quello del 'pieno' benzina mensile più caro d'Europa, un record legato principalmente alle elevate tasse e accise che da noi gravano sul carburante. A rivelarlo è lo studio 'Car Cost Index di LeasePlan', condotto in 24 Paesi del Vecchio Continente,
che assegna all'Italia anche il secondo posto, dopo la Norvegia, per i costi di possesso di un'auto a benzina. ''Sulla base di un chilometraggio annuale di 20.000 chilometri - precisa lo studio - la spesa media per la benzina in Europa è di 100 euro al mese, mentre vengono spesi 67 euro per il gasolio. L'Italia si situa al primo posto con 136 euro mensili per i veicoli alimentati a benzina. Con soli 54 euro al mese, invece, i conducenti della Russia possono godere del 'pieno' più economico, grazie alle notevoli riserve petrolifere della nazione. Il Paese meno costoso per il diesel è invece la Polonia, con 49 euro al mese''. Il 'Car Cost Index di LeasePlan' analizza gli elementi che concorrono al costo totale dei veicoli nel segmento delle auto di piccole e medie dimensioni, come Renault Clio, Opel Corsa, Volkswagen Golf e Ford Focus. In particolare la ricerca confronta tra loro il prezzo di acquisto, il costo di deprezzamento, la riparazione e manutenzione, l'assicurazione, le imposte e le spese di carburante, inclusi gli pneumatici invernali, ove richiesto dalle leggi in vigore. L'analisi effettuata basa i suoi risultati sui primi tre anni di costi operativi. In questo caso l'Italia sale, appunto, sul secondo gradino del podio della classifica Leaseplan: con 678 euro spesi ogni mese, gli automobilisti del Belpaese che guidano vetture a benzina sono secondi solo ai norvegesi (708 euro), precedono di un soffio i danesi (673 euro) e quasi doppiano gli ungheresi, buoni ultimi a quota 364. Proprio per il costo per il possesso, la ricerca evidenzia, quindi, un divario sino a 344 euro al mese tra il Paese dove è più caro guidare un'auto a benzina e quello dove, invece, è più economico. In questo caso sono i costi di deprezzamento a rappresentare la voce con la maggiore incidenza, seguiti dalle imposte di circolazione e dall'IVA. Riguarda alle vetture diesel, con 695 euro al mese sono gli olandesi a pagare di più nel continente per i costi di possesso dell'auto, mentre con 369 euro al mese gli ungheresi si confermano i meno tartassati. Lo studio evidenzia una forte correlazione, nei Paesi dove è più costoso guidare un'auto (Italia, Paesi nordici e Olanda), tra l'elevato costo complessivo e le alte imposte di circolazione e di IVA. Mentre il contrario accade in quelli dove la guida di un veicolo è più economica, che risultano essere anche i meno tassati (Ungheria, Repubblica Ceca e Romania).

Commenti

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DEL MESE

Cronaca di un ‘ceto medio’ che non c’è più.

Mille euro per tutti!?

Roma Capitale, #alberiperilfuturo. E per Via Savona!?

Il carabiniere cade, gli antifascisti lo pestano.

Lo zoo nell’urna, dal giaguaro smacchiato di Bersani al panda carnivoro di Grillo passando per altre 'bestiali' amenità.

La globalizzazione del lavoro al minimo sindacale.

San Remo. L'Italia, ingabbiata dalla crisi, non canta per amor, canta per rabbia!