Signore e Signori, questa è la politica italiana!

Siamo un Paese alla deriva, senza più regole, senza etica, senza pudore, senza cultura, senza una classe dirigente degna e capace e con un popolo depresso e avvilito dalla crisi economica, politica e sociale di questo ultimo ventennio che, dopo Sanremo, non sa più a quale santo votarsi! Siamo un Paese spogliato di tutto, un Paese rimasto in braghe di tela! Il pil non sale ma, per contro, il livello del dibattito politico è sceso nel sottoscala dell'indecenza.
Del resto, quando non si affrontano seriamente i problemi della gente e le gravi urgenze del Paese, non si può che finire nel chiacchiericcio da bar. E così, dopo le 'olgettine', è 'Patata bollente', come titola la prima pagina di 'Libero', con a fianco una foto di Virginia Raggi, a finire sotto attacco del Movimento5stelle: "#Libero, eccola l'informazione italiana!", attacca Beppe Grillo in un tweet invitando gli iscritti a mandare mail di protesta al direttore responsabile e al direttore editoriale di Libero. "Non so se sia sessismo o semplice idiozia, in ogni caso mi fa schifo. La mia solidarietà a Virginia Raggi. La stampa ha superato ogni limite", gli fa eco Luigi Di Maio. Evidentemente, a Beppe Grillo e ai grillini non è proprio piaciuto il titolo di prima pagina di Libero. "Patata bollente", riferito a Virginia Raggi, ha scatenato la reazione dei pentastellati, che dal web hanno invitato alla gogna pubblica direttore e vice. Nel suo editoriale, Vittorio Feltri, spiegava, anche con ironia, come la vicenda politico-privata della sindaca grillina di Roma, persa tra inchieste giudiziarie e gossip sui presunti flirt in Campidoglio con i suoi assistenti, gli ricordi da vicino quella ben nota e assai più strombazzata di Silvio Berlusconi e le 'olgettine', vicenda che per inciso è costata parecchio al Cav in termini di voti e reputazione. "Ci risiamo con le patate bollenti.  - Scrive il direttore di Libero - Alcuni anni orsono fu la volta di Ruby Rubacuori, spacciata addirittura per nipote di Mubarak, che sollevò uno scandalo la cui eco ancora non si è spenta, dato che Berlusconi, assolto per averla trombata (scopare non è reato, per fortuna, altrimenti saremmo tutti in galera, tranne me poiché non ricordo come si faccia) è di nuovo sotto processo perché alimenta un certo numero di ragazze eleganti e diffamate dai media in quanto l’avrebbero data via. Adesso, per la legge del trapasso, tocca a Virginia Raggi assumere il ruolo increscioso di tubero incandescente. Finire sulla brace è un rischio per tutte le belle signore e perfino per quelle che belle non sono. Cosicché è giunto, inatteso, il momento della sindaca di Roma, Virgo potens del Movimento 5 stelle. (....) Intendiamoci, personalmente non condanno i peccati della carne e neppure quelli del pesce. Il moralismo non è il mio forte. Pertanto mi limito a sottolineare che le debolezze accertate del Cavaliere meritano la medesima considerazione di quelle supposte della sindaca. Le valutiamo con lo stesso metro di giudizio: l'erotismo è legittimo ed è materia su cui non vale la pena di indagare". Più che di merito, dunque, un problema di par condicio. "Non ho titolo per chiedere le dimissioni della Raggi, ma i suoi mentori cessino di adorarla come una regina", è l'invito di Feltri, che poi profetizza: "Con la presente preghiera mi sarò guadagnato spero l'iscrizione nella lista di proscrizione che Di Maio ha compilato includendovi i giornalisti sgraditi e rei di aver canzonato i santi pentastellati. (...) Avrei voluto parlare con Di Maio per chiedergli conto della sua iniziativa, ma mi hanno riferito che egli è impegnato a tenere una lezione universitaria sull’uso del congiuntivo, e che nei prossimi giorni ne terrà una seconda sul corretto impiego del gerundio. Peccato. Lo avrei volentieri mandato affanculo.". ...affanculo, per l'appunto, in nomine par condicio!?

3 commenti:

  1. Ma quale "Patata bollente"? C'è, in questa inchiesta di Roma, un grande paradosso, e una latente - forse inconsapevole - variante misogina, colta e sublimata dal titolo di Libero di questa mattina. Il paradosso è che nella dinamica dell'inchiesta anziché partire da una prova, per dimostrare un'accusa, si parte dall'accusa, per poi trovare le prove: Virginia Raggi ha illecitamente favorito Marra, segue dimostrazione.

    La variante misogina - invece - è questa: siccome bisogna dimostrare che Virginia Raggi è corrotta, perché altrimenti le accuse non starebbero in piedi e le tesi accusatorie cadrebbero come castelli di carte, serve anche dimostrare che nelle sue nomine ci fosse un dolo specifico. E quindi per farlo - per provare il dolo specifico nella promozione di Marra che porterebbe alla condanna per abuso d'ufficio e alla decadenza in base alla legge Severino - bisogna provare che ci fosse una relazione con Romeo, con Marra, con Frongia o magari con tutti e tre.

    Essendo donna, non essendo sposata, non essendo un capitano di industria con grandi poteri e grandi studi legali alle spalle, ma una ragazza di Ottavia giovane, libera, bella e separata, la Raggi - in base a questo teorema - deve necessariamente avere una attività sessuale nel suo staff che la faccia apparire come una donna a metà strada fra Messalina e Amanda Knox. La gatta morta che seduce. Perché questo quadro si compia, è necessario, cioè che il reato di abuso di ufficio abbia l'aggravante del favoreggiamento para-familistico: la Raggi favorendo Romeo, in realtà, stava favorendo un suo quasi congiunto, stava favorendo se stessa.

    Cose che si leggono tra le righe delle cronache tuti i giorni, anche oggi. È per questo che le dichiarazioni di Paolo Berdini a La Stampa, le battute acide e parossistiche sui suoi legami con la "banda", e le battute sulla possibile relazione con Romeno, potrebbero essere prese come una notizia di reato, una conferma per la Messalina-Amanda a 5 stelle. Ed è per questo che le cosiddette "polizze vita" entrano ed escono da questa inchiesta, e dagli interrogatori-fiume, anche contro ogni logica.

    Giovedì scorso - per esempio - quando i magistrati interrogano Virginia Raggi, ovviamente per otto ore conoscono già le clausole delle polizze e la provenienza del denaro: cioè sanno già che non sono soldi esigibili dalla Raggi, e che non sono soldi neri. Perché ho questa convinzione? Perché il giorno dopo, venerdì mattina, forse spaventati per quello che esce sui giornali dopo il loro interrogatorio e la ridda delle voci, all'ora di pranzo devono fare loro stessi una precisazione che viene riportata dall'Ansa, che contiene due elementi chiave: 1) nella intestazione non c'è "ipotesi reato" e 2) i soldi di Romeo non sono di provenienza oscura. Sono, quindi - malgrado lo stipendio di dipendente comunale da 39mila euro, soldi di Romeo.

    RispondiElimina
  2. Che pena, non ho parole, in questo paese non cambia mai niente, risiamo agli insulti invece di pensare alle cose serie, ma forse lo fanno apposta: per distrarci!!!

    RispondiElimina
  3. questi ci fanno vergognare di appartenere al genere umano, snif

    RispondiElimina

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)