Aumenta tutto, tranne lo stipendio e la pensione!

Cresce il debito pubblico italiano e Bruxelles ci serve il conto: mancano ancora tre miliardi e mezzo di euro nella legge di stabilità! E statene pur certi che, sanatorie e amnistie fiscali a parte, i soldi, quelli veri, quelli che pesano, andranno a prenderli sempre dai “soliti fessi”! Intanto, dopo l’aumento di luce, gas e acqua, volano anche i prezzi del carrello della spesa degli italiani che vedono a febbraio 2017 l'aumento maggiore da otto anni.
I prezzi dei beni alimentari, per la cura della casa e della persona, secondo i dati provvisori dell'Istat, aumentano infatti dell'1,1% su base mensile e del 3,1% su base annua (era +1,9% a gennaio). Per trovare una crescita tendenziale maggiore bisogna tornare a febbraio 2009, quando l'incremento era stato del 3,3%. Così, continua ad accelerare il tasso di inflazione in Italia. A febbraio 2017, secondo i dati provvisori Istat la crescita dei prezzi raggiunge l'1,5% rispetto a febbraio 2016. Si tratta dell'aumento maggiore a partire da marzo 2013 (quando era stato +1,6%) e segna un ulteriore passo avanti rispetto a gennaio (+1%) e dicembre (+0,5%). Su base mensile, l'aumento è dello 0,3%. Questa dinamica, spiega l'Istat, è per lo più dovuta ad alimentari non lavorati (+8,8% su anno), beni energetici non regolamentati (+12,1%) e servizi di trasporto (+2,4%).

Commenti

Maria Adele Rossetti ha detto…
se ricalcolassero tutte le pensioni con il contributivo, penso che
potremmo recuperare parecchi punti di pil e si ridurrebbe anche il
debito pubblico. l'europa non ci chiederà nulla
Unknown ha detto…
Si vede evidentemente che tu non versi contributi da molto. Perché non ci danno i soldi che abbiamo versato?
ursula69 ha detto…
il contributivo per tutti, ma con una pensione integrativa che funzioni seriamente, altrimenti non ce la si fa a campare!
Maria Adele Rossetti ha detto…
sono pensionata, ho versato contributi per 41 anni, ma
la mia pensione è stata calcolata con il retributivo.
mi era molto piu' favorevole il contributivo ma rientravo con il sistema nuovo.
Maria Adele Rossetti ha detto…
pur essendo in pensione con il retributivo mi sarebbe stato
piu' favorevole il contributivo. pertando deduco che questo stato è ingiusto e ho subito una grande ingiustizia
keSkifo ha detto…
il contributivo secco non è sostenibile così come è stato concepito: non si può restare a lavoro fino a 70anni e poi andare in pensione con una pensione sociale! A questo punto meglio non lavorare, riscuotere il reddito di cittadinanza e aspettare la pensione sociale!
Maria Adele Rossetti ha detto…
certamente con un coefficiente di rivalutazione giusto.
le pensioni precedenti alla nostra sono state rivalutate con coefficienti piu' alti. ripeto se venissero calcolate tutte in
base ai contributi versati anche le nuove generazioni avrebbero
molto meno problemi. la fornero deve essere abolita e chi vuole
andare in pensione a 60 anni con quanto versato
inpsUgualeXtutti ha detto…
giusto abolire la fornero, ma altrettanto giusto far pagare i contributi a tutti, nessuno escluso!
Maria Adele Rossetti ha detto…
d'accordo anche ai baby-pensionati, p.a., onorevoli, sindacalisti,
magistrati.

quando iniziamo? dobbiamo aspettare ancora molto?
Fabio ha detto…
C'è da aspettare una vita, perchè sono "loro" che dovrebbero fare una legge che tolga privilegi e favoritismi, e quella legge non la faranno mai perchè non rinunceranno mai a benefit e favoritismi!!
Maria Adele Rossetti ha detto…
se pensiamo che loro possono gestire il nostro futuro siamo alla
frutta. mi viene da pensare poveri giovani...
il futuro è nostro e le conquiste giuste dobbiamo riuscire a realizzarle
lauretta ha detto…
Cara Maria Adele, più che alla frutta direi proprio che siamo all'ammazzaItaliani!
Maria Adele Rossetti ha detto…
penso che ci voglia giustizia ed equità.
alex ha detto…
Giustizia ed Equità, da questi qua? Sarebbe come pretendere di andare a piedi sulla Luna!
write ha detto…
Poveri illusi. se pensate che loro vi aumentino lo stipendio vi sbagliate di brutto, loro pensano solo ai propri interessi e se possono vi tolgono, altro che rinnovo contrattuale, caro vita e tutte ste balle!
Maria Adele Rossetti ha detto…
forse è meglio smetterla di continuare a lamentarci....
lottiamo in democrazia per una società giusta
sandrina ha detto…
Io mi sono rimboccata le maniche e mi son data da fare. Quando 'stacco' da lavoro dipendente, faccio dei lavori di rammendo e a fine mese riesco a racimolare qualche centinaio di euro: datevi 'na mossa pure voi se lo stipendio non vi basta, tanto da questo Stato pioveranno solo TASSEEEEEE
dario ha detto…
io, invece, la sera vado a servire tra i tavoli di un ristorante non troppo lontano da casa: tra la paga e le mance a notte fonda riesco a portare a casa una sessantina di euro, bisogna sgobbare e sudare sette camcie per arrivare a fine mese!
pasqual a. p. ha detto…
Aumenta tutto in Italia tranne le pensioni e gli stipendi dei lavoratori dipendenti: vergogna!

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DEL MESE

Cronaca di un ‘ceto medio’ che non c’è più.

Mille euro per tutti!?

Roma Capitale, #alberiperilfuturo. E per Via Savona!?

Il carabiniere cade, gli antifascisti lo pestano.

Lo zoo nell’urna, dal giaguaro smacchiato di Bersani al panda carnivoro di Grillo passando per altre 'bestiali' amenità.

La globalizzazione del lavoro al minimo sindacale.

San Remo. L'Italia, ingabbiata dalla crisi, non canta per amor, canta per rabbia!