Crolla ponte su A14, due morti e due feriti.

L’Italia cade a pezzi nell’indifferenza, nell’apatia e nell’incuria di chi preposto a governare e amministrare il Paese. La nazione è all’abbandono, allo sbando. Crollano case, chiese, ospedali, scuole, strade, monumenti, insomma in questo paese - senza più nè capo nè coda - sta crollando tutto ciò che a stento e per grazia di Dio restava ancora in piedi. Un ponte, il 167, è crollato sull'autostrada A14 al km 235+800, all'altezza di Camerano (Ancona),
tra Loreto e Ancona Sud: ci sono due morti e due feriti. Le due vittime si trovavamo a bordo di un'automobile in transito sotto il ponte. I due feriti invece, stando alle prime informazioni, potrebbero essere invece coinvolti nella caduta di alcune impalcature. Sul luogo ci sono due eliambulanza che non sono ancora rientrate all'ospedale di Torrette di Ancona. Sul posto la polizia stradale, i vigili del fuoco e i mezzi del 118. L'autostrada è chiusa. Ma è lo spirito degli italiani ad essere chiuso ad ogni speranza di cambiamento, di potercela fare! L’Italia crolla tra le macerie e chi dovrebbe provvedere alla messa in sicurezza del territorio, alla manutenzione delle infrastrutture, all’amministrazione della cosa pubblica, al governo del Paese e al perseguimento del bene comune, è troppo impegnato a farsi i fatti propri per prendersi a cuore i destini della nazione e dei cittadini.

Commenti

elena rm ha detto…
Ad ottobre crollò un ponte in Brianza, oggi nelle Marche e domani a chi toccherà restare schiacciato sotto l'incuria di chi ci governa?
vincenzo r. ha detto…
Un Paese a pezzi in tutti i sensi: stiamo crollando pezzo dopo pezzo e non muoviamo neppure un dito per impedire il ....tracollo!

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DEL MESE

Cronaca di un ‘ceto medio’ che non c’è più.

Mille euro per tutti!?

Roma Capitale, #alberiperilfuturo. E per Via Savona!?

Il carabiniere cade, gli antifascisti lo pestano.

Lo zoo nell’urna, dal giaguaro smacchiato di Bersani al panda carnivoro di Grillo passando per altre 'bestiali' amenità.

La globalizzazione del lavoro al minimo sindacale.

San Remo. L'Italia, ingabbiata dalla crisi, non canta per amor, canta per rabbia!