In Italia aumenta tutto tranne gli stipendi: Statali fermi al palo dal 2010!

In Italia l’unica cosa a crescere sono il debito pubblico, le tasse, la disoccupazione, i prezzi al consumo, gli immigrati e il numero dei poveri. E così, di pari passo, crescono anche le preoccupazioni di chi non ce la fa più ad arrivare a fine mese. Se infatti i prezzi crescono, gli stipendi continuano a restare al palo. Secondo i dati contenuti nell'ultimo dossier dell'Istat le retribuzioni contrattuali in Italia crescono a passo di lumaca. Negli ultimi sei anni gli stipendi regolati dai Ccnl sono aumentati del 7,1%,
con notevoli differenze tra il settore delle estrazioni minerali, dove l'incremento è del 14%, e il settore del credito e assicurazioni, che si ferma a un +6%. A tenere schiacciato verso il basso l'indice generale degli stipendi è, ovviamente, il settore pubblico dove le retribuzioni sono bloccate dal 2010, mentre nel settore privato l'aumento è del 9,8%. Rispetto al 2015, l'indice generale è cresciuto solo di 0,6 punti percentuali. Mentre restringendo il campo al settore privato l'incremento è stato di 0,9 punti. I lunghi tempi di vacanza contrattuale, che di solito passano prima di raggiungere nuovi accordi, incide sicuramente sul dato finale. Secondo l'Istituto di statistica alla fine del 2016 i contratti scaduti sono 47; bel al di sopra della somma dei contratti rinnovati nel corso dell'anno (13) e degli accordi in vigore (28), che arriva a 41. La situazione è peggiorata rispetto al 2015, quando i contratti scaduti in attesa di rinnovo erano 36, mentre la somma degli accordi in vigore (39) e delle intese raggiunte nel corso dell'anno (9) arrivava a 48. Per gli statali, dal comparto della scuola a quello delle forze dell'ordine, la variazione nel 2016 è dello zero rispetto a sei anni prima, con l'unica eccezione dei vigili del fuoco, che, sull'onda emotiva dell'"emrgenza terremoto", hanno strappato un aumento del 3,1%. Osservando i raggruppamenti principali di contratti del settore privato emerge che, dietro al primo classificato (estrazioni minerali), si posiziona il settore dell''energia e petroli' (+13,9%), seguito dalla 'gomma, plastica e lavorazioni di minerali non metalliferi' (+13,7%), dalla 'chimica' (+13,6%), dal 'tessile, abbigliamento e lavorazione pelli' (+13,2%) e dall''energia elettrica e gas' (+13,1%). Sopra la media si collocano anche le retribuzioni dei 'metalmeccanici', con un incremento del 12,9%, dei lavoratori del settore del 'legno, carta e stampa' (+12,2%) e dell''industria' (+12%). Incrementi a due cifre interessano 'agricoltura' e 'alimentari bevande e tabacco', entrambi crescono dell'11,3%, e le 'telecomunicazioni' (+10,9%). Per tutti gli altri gruppi l'aumento delle retribuzioni è stato inferiore al dato medio, con i 'trasporti e servizi postali' che si posizionano più vicino (+9,5%), segue il 'commercio' (+8,5%) e l''edilizia' (+8%). In coda si posizionano i gruppi dell''acqua e servizi di smaltimento rifiuti' (+7,8%), i 'servizi privati' (+7,6%), gli 'esercizi pubblici' (+7,5%), ed i servizi d''informazione e comunicazione' (+6,3%).

Commenti

hello ha detto…
Non è vero che i soldi non ci sono per rinnovare i contratti di lavoro, la verità è che si mangiano tutto loro!

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DEL MESE

Cronaca di un ‘ceto medio’ che non c’è più.

Mille euro per tutti!?

Roma Capitale, #alberiperilfuturo. E per Via Savona!?

Il carabiniere cade, gli antifascisti lo pestano.

Lo zoo nell’urna, dal giaguaro smacchiato di Bersani al panda carnivoro di Grillo passando per altre 'bestiali' amenità.

La globalizzazione del lavoro al minimo sindacale.

San Remo. L'Italia, ingabbiata dalla crisi, non canta per amor, canta per rabbia!