Attentato Manchester: le colpe e le complicità dell’occidente.

di Camillo Pignata. Voglio parlare della criminale campagna politico/mediatica contro gli immigrati, delle complicità della comunità internazionale, della solitudine degli immigrati. Proprio oggi che c’è stato il massacro terroristico a Manchester, dove la furia del radicalismo dell’ISIS non ha risparmiato niente e nessuno neppure i bambini, ammazzando 22 persone.
Si, perché proprio oggi saranno più isolati e deboli i nostri amici, quei migranti, quegli islamici che vogliono dialogare con l'occidente, vittime anch'essi dell’odio jihadista. Sì, perché proprio oggi, si leverà più forte, più violenta e persuasiva la voce dei nemici in casa di quelli che, politici e giornalisti, uomini indegni di questo nome, ieri chiedevano che le navi degli immigrati fossero affondate, oggi supportano chi non li accoglie e criticano chi dà loro ospitalità, di quelli che ci vogliono riportare agli anni bui del nazismo, di quelli che mai chiedono chi finanzia ed arma il terrorismo. E proprio a questi che, riempendoci la testa e il cuore di odio e di paura, ci impediscono di conoscere, di capire, di distinguere amici e nemici, di conoscere le ragioni dell’odio terrorista, vorrei sbattere sul muso, le loro colpe e complicità con il terrorismo. Le torture di via Tasso, la violenza delle camicie nere, le atrocità fasciste, i campi di concentramento, la guerra, non vi hanno insegnato niente? Non sono serviti a niente, sono stati buttati nella spazzatura da quattro mentecatti, che per qualche maledetto voto in più, stanno fomentando la paura e gli istinti più bestiali dell'uomo, risvegliando nella gente l’odio e la violenza. Intere trasmissioni dedicate a questo scopo, e fascistelli da quattro soldi sempre in tv, che vagano nel buio dell’ignoranza, senza capire che fomentare l’odio dell’occidente verso gli immigrati e degli immigrati contro l’occidente significa fare il gioco dell’ISIS, realizzare ciò che vuole questa organizzazione criminale. E intanto Trump viene in Italia, dopo aver concluso con l’Arabia Saudita una fornitura d’armi per oltre 300 miliardi di dollari. A chi saranno destinate queste armi, c’è qualcuno di quelli che inveiscono contro gli immigrati che si pone questa domanda? C’è qualcuno di questi fascistelli nostrani, che si chiede perché l’Europa e gli USA non aiutano i combattenti curdi, mentre muoiono a frotte per combattere l'ISIS, perché l’Europa finanzia la Turchia che ha favorito e favorisce il califfato, ha permesso, sul suo territorio, il passaggio di foreign fighters e di finanziamenti di armi all’ISIS? E oggi che l’Inghilterra viene colpita, c’è qualcuno di questi razzisti marchettari che si chiede perche il Qatar è il maggiore azionista della borsa di Londra, perché ha il 10% della London Stock Exchange? L'umanità è morta in Siria, ha detto il rappresentante UNESCO, ma solo solo in Siria? E in Europa? Dov’è l’umanità in Europa, dove la quadratura dei conti, la garanzia del diritto di credito di banche tedesche e francesi, valgono più più della vita e della dignità delle persone, dove con "frontex" si difendono i confini europei, ma non si salvano gli immigrati, dove la politica europea per l’integrazione e ancora un tabù? Dov’è l’umanità in tutto questo? Predicano odio e paura i razzisti nostrani e, siccome al peggio non c'é mai fine, questo odio e questa paura la vogliono trasferire nei rapporti tra gli Stati. Rivendicavano e rivendicano, il nazionalismo, come strumento di difesa, mentre era ed è egoistico e nel contempo autoritario. Il nazionalismo, quando non é strumento di identità, per una pacifica convivenza con gli altri, diventa strumento di dominio e il dominio genera risposte e reazioni anche violente. E tutto ciò si traduce in uno slogan, come quello tante, troppe volte detto e ripetuto, "prima gli italiani" o “prima l'America”, che è sempre autoritario, perché se ci sono primi di ci sono i secondi, se ci sono i più forti ci sono i più deboli, se ci sono i dominatori ci sono i dominati. E siccome sono ignoranti e masochisti non hanno capito che "prima gli italiani" è un boomerang per l'Italia, perché l'Italia non è l'America e neppure la Germania e la Francia, che hanno la loro forza politica ed economica, superiore a quella italiana. È che dire di stampa e TV, di giornalisti ed editori che hanno dato voce e risonanza a queste voci, chiamando libertà di opinione, ciò che è solo un misero mezzo per vendere copie e far soldi. E' la la logica del profitto capitalistico, dell'economia che uccide. E' la stessa logica che tiene in piedi l’Ilva che continua ad ammazzare la gente di Taranto, di mafia capitale, che alimenta l'emergenza imigrazione per far business sugli immigrati, la stessa logica che pubblicizza l’eccesso colposo di legittima difesa e tiene in vita i conflitti per far vendere armi, quelle stesse armi che ora Trump e l'occidente vendono all’Arabia Saudita e al Qatar, anche se destinate all’ISIS.

Nessun commento:

Posta un commento

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)