Funivia Casalotti-Battistini, CasaPound contesta la Raggi.

"Invece di buttare i soldi per la funivia pensa a tappare le buche in ogni via!". Così i militanti di CasaPound hanno accolto la Sindaca Virginia Raggi nella sede del XIII Municipio durante la presentazione del progetto della funivia che dovrebbe collegare Casalotti a Battistini: "Sommersi dai rifiuti, città nel degrado e la priorità è la funivia", urlano gli attivisti di CasaPound alla Sindaca. La Raggi è stata fatta allontanare in grande fretta dalla sicurezza quando gli esponenti di estrema destra si sono avvicinati a pochi metri dal banco
degli oratori, iniziando un corpo a corpo con gli uomini della Polizia, culminato con spintoni e cori da stadio: "Dimissioni! Dimissioni!". La presentazione è poi ripresa dopo 5 minuti di pausa. I militanti di CasaPound sono stati portati fuori dalla sala del Municipio dalla polizia mentre continuavano ad inveire contro la prima cittadina chiedendone le dimissioni. In Aula, dopo i momenti di tensione, la sindaca e l'assessore alla Mobilità Linda Meleo sono rientrate tra gli applausi dei presenti per dare inizio alla conferenza stampa.

1 commento:

  1. CasaPound Italia cresce in popolarità, e questo è ormai un fatto assodato. E colpisce il consenso esponenziale sui social network del candidato di CPI alle prossime consultazioni per il rinnovo del consiglio del X Municipio a Roma, quelle elezioni di Ostia tanto cruciali per gli equilibri politici capitolini e non solo. Luca Marsella, candidato presidente del X Municipio per CasaPound, è diventato un'autentica corazzata su facebook, superando per capillarità dei contenuti anche la forza regina della rete, ovvero il M5s.

    RispondiElimina

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)