Italiani in uscita. Migranti in entrata. È in atto una vera e propria sostituzione di popoli!

Dal momento in cui il Belpaese è entrato in fibrillazione per il “gentile” fuorionda dei “pacchi” di Raiuno e per il “concorsone” dei 5 direttori dei musei bocciato dal Tar, all’Italia sono rimaste ben poche, ma catastrofiche, certezze: un debito pubblico ai massimi storici, una tassazione che si mangia più del 50% del reddito,
una disoccupazione giovanile senza precedenti, un welfare inesistente, salari e pensioni da fame - eccetto gli “assegni d’oro delle caste” - e i migranti. Ecco, una cosa è certissima: ci stanno invadendo! Siamo un Paese dal quale i nostri giovani e i nostri pensionati scappano via a gambe levate perché non ne possono più e nel quale entra un flusso migratorio senza limiti nè precedenti, senza regole nè controlli, e che ha tutti i crismi di una vera e propria invasione. E davanti all'invasione l'Italia si è calata letteralmente le braghe, spalancando non solo le porte di casa all'invasore, ma pure il portafoglio. Siamo l’unico Paese al mondo che impiega le Forze Armate per farsi invadere e che utilizza i soldi dei contribuenti non a sostegno dei propri connazionali, ma per ‘accogliere’ gente senza né arte, né parte e molto spesso senza alcun diritto ad essere ‘accolta’. E se consentono tutto questo non è certo perché sono più bravi e più buoni di chi alza i muri. Non è per carità cristiana e spirito di fratellanza che ‘accolgono’ di tutto e di più, ma per pura convenienza economica: cooperative, associazioni, organizzazioni e imprenditori guadagnano milioni di euro sui profughi! Insomma, i migranti sono un vero e proprio business, più redditizio di quello della droga, secondo gli esperti! ...e l’invasione continua. E non solo l’invasione africana, quella dei barconi all’arrembaggio delle nostre coste, che fa tanto rumore sui media, ma soprattutto l'invasione ‘silenziosa’ di coloro che arrivano ‘regolarmente’ in treno, in aereo o in auto dai paesi dell’Europa dell’Est, dalla Cina, dall’India, dal Bangladesh e dal Sud America. Centinaia di migliaia di immigrati che si piazzano in Italia, senza nessun controllo, che vivono e prolificano nel Paese del bengodi, che tolgono occupazione agli italiani, innescando un pericoloso gioco al ribasso del costo del lavoro che di fatto ci ha portato a stipendi da fame e pensioni da assegno sociale. Questo perché la stragrande maggioranza degli ‘invasori’- che taluni dipingono come una ‘risorsa’ soprattutto per le future pensioni degli italiani - lavora in nero e i soldi che guadagna non li versa certo nelle casse dell’Inps, ma in quelle dei paesi di provenienza! Oggi la realtà è questa qua: Italiani in uscita e migliaia di migranti in entrata, natalità zero per noi e natalità a mille per loro, guerra tra poveri tra chi costa di meno in termini di manodopera. E mentre gli italiani spariscono lentamente, i migranti continuano ad aumentare. È in atto - per dirla con le parole di Salvini - una vera e propria sostituzione di popoli per far lavorare schiavi a tre euro l'ora. Così il disegno politico, di chi siede nella cabina di regia, assume via, via, connotati sempre più definiti per quello che si prospetta come un epocale ricambio generazionale che garantisca al ‘sistema’ nuovi sudditi da poter continuare a spremere come hanno fatto fino ad oggi con noi superstiti di un Paese in fuga ed ormai sulla via dell'estinzione

1 commento:

  1. La sentenza pronunciata dal Tar e che ha fatto decadere ben cinque direttori di aree museali non può essere derubricata ad un semplice incidente di percorso. Deve purtroppo essere bollata per quello che é: una tipica follia italiota, cioé di un Paese dove tutto viene lasciato rotolare fino alla rovina e dove la propensione all’autolesionismo impera sovrana.Numerosi i rilievi avanzati dal Tar alla riforma dei musei varata dal Governo Renzi e che aveva portato ad assoldare anche dirigenti dall’estero. Secondo i giudici non sarebbe stato possibile, prima di tutto, ammettere non italiani a una selezione per un ruolo di dirigente pubblico. E’ stato poi contestato lo svolgimento delle prove orali perché erano a porte chiuse e, in almeno due casi, addirittura «da remoto» in collegamento Skype con Australia e Usa. Una procedura ritenuta dal Tribunale amministrativo inammissibile con i principi di trasparenza e parità di trattamento tra i candidati di una selezione pubblica. Inammissibili poi anche i criteri per entrare nella terna finale.

    “LO SCARTO MINIMO DEI PUNTEGGI TRA I CANDIDATI MERITAVA UNA PUNTUALE E PIÙ INCISIVA MANIFESTAZIONE ESPRESSA DI GIUDIZIO DA PARTE DELLA COMMISSIONE PIUTTOSTO CHE MOTIVAZIONI CRIPTICHE E INVOLUTE”.

    Gli esponenti del Partito Democratico hanno immediatamente fatto fronte comune contro questa pronuncia che di fatto boccia la loro riforma. L’ex premier Matteo Renzi ha scritto sui suoi profili social che “l’errore del suo governo è stato di non aver provato a cambiare i Tar“. E anche il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, ha sostenuto che “i Tar andrebbero cambiati, senza demonizzarli, precisando meglio qual è l’ambito di competenza della politica e quello del Tar“.

    Sinceramente é evidente che non si può attribuire esclusivamente al Tar gli effetti di questa sentenza. Fabio Mattei, presidente dell’Associazione Nazionale Magistrati Amministrativi, ha infatti chiarito come “La nomina di dirigenti pubblici stranieri (chiamati a esercitare poteri) è vietata nel nostro ordinamento. Se si vogliono aprire la porte all’Europa – e noi siamo d’accordo – bisogna cambiare le norme, non i Tar“. E infatti le responsabilità vanno attribuite ad una classe dirigenziale italiana che appare, ogni volta che é messa alla prova,assolutamente non all’altezza delle sfide globali che deve affrontare. Ad esempio, nel caso di specie, il legislatore – come spesso avviene – non é stato in grado di scrivere leggi coerenti e chiare e i giudici – che frequentamente abusano di un potere di interpretazione che il nostro sistema di diritto non consente loro – non hanno fatto lo sforzo di allargare il proprio perimetro di giudizio come sottolineato dal giudice della Corte Costituzionale Sabino Cassese. Proprio il giudice emerito, dalle colonne del Messaggero, precisa come:

    “SIAMO IN PRESENZA DI SENTENZE VERBOSE E SOVRABBONDANTI DOVE NON CE N’ERA BISOGNO, SBRIGATIVE DOVE ERA NECESSARIO (PER DIMOSTRARE CHE RIFIUTIAMO GLI STRANIERI). ORA DOBBIAMO ASPETTARE IL CONSIGLIO DI STATO”.

    Il problema però é che questa sentenza, banalizzando, consegna l’idea di un Paese che é capace solo ad importare profughi spesso anche a dispetto delle leggi in vigore. Quando invece si tratta di “assoldare” cervelli allora il motore si inceppa e basta anche una virgola della legge per cacciare dei professionisti che hanno un’unica colpa: quella di poter produrre Pil e benessere in un Paese refrattario al cambiamento e all’innovazione.

    RispondiElimina

freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

freeskipeer si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)