La Fisioanalisi per guarire dal mal di schiena.

Sempre più persone soffrono di mal di schiena. Lordosi e dolori al nervo sciatico i malanni più diffusi, ma non mancano all’appello problemi alla colonna vertebrale. Le cause? Oggi ci 'muoviamo' sempre di meno e stiamo molto tempo davanti a computer, tablet o televisione. Il dolore è la naturale conseguenza di posture scorrette. Infatti, i più a rischio lombalgia sono gli ‘under 30’ che passano fino a 10 ore al giorno a navigare sul web dal divano.
Hanno vent’anni, ma tra malanni e acciacchi sono messi peggio dei nonni e soffrono quotidianamente di mal di schiena: cinque su 10, secondo la Societa’ italiana di ortopedia e traumatologia. Il rimedio? La Fisioanalisi, ovvero la ricerca dell'origine fisica di alcune patologie a carico del sistema muscolo-scheletrico, che restituisce benessere ed equilibrio al corpo. La Fisioanalisi o analisi fisica si basa su un principio scientifico importante: stimolando gravitazionalmente con il peso del corpo il riflesso plantare, si ottiene la distensione permanente della muscolatura antigravitazionale, e quindi la riduzione definitiva degli attriti che limitano il movimento e usurano gli organi. Come si traduce in concreto questo principio? E, soprattutto, qual è la metodologia terapeutica? Secondo la Fisioanalisi, risolvendo le condizioni che impediscono al paziente di far cadere spontaneamente il peso del corpo sulla parte anteriore del piede, si avrà il pieno utilizzo sia dell’azione di leva del piede stesso, sia del riflesso plantare. Quest’ultimo si trova proprio nella parte più distale della leva del piede, e quindi saranno necessarie molte meno energie, sia muscolari che neurologiche, per ottenere la stazione eretta. La muscolatura antigravitazionale, meno contratta per vincere la forza di gravità, schiaccerà meno lo scheletro e soprattutto la colonna vertebrale, che si potrà così distendere nello spazio, risolvendo in maniera definitiva patologie come cifosi dorsali, lordosi lombari e verticalizzazioni cervicali, e riducendo gli attriti che limitano il movimento e consumano muscoli, tendini ed articolazioni. Ma gli effetti della Fisioanalisi non si esauriscono qui: i muscoli più distesi schiacceranno meno anche tutti i tubi e le arterie di cui siamo costituiti, (vie arteriose e venose, vie digerenti, respiratorie, urinarie, linfatiche ecc.) nei quali si muovono i fluidi del corpo, e da cui ha origine buona parte delle patologie degenerative. Questa tecnica è un mezzo efficace per ridurre il rischio di gravi malattie e prolungare gli anni di vita in maniera non ancora quantificabile, ma sicuramente molto significativa. La muscolatura si distende in maniera isotonica e cresce di lunghezza, e quindi di efficienza, (gli antagonisti si rilasciano per favorire il movimento degli agonisti); lo scheletro, i vasi e tutti gli altri condotti non sono più schiacciati e riacquistano la loro funzionalità. È una vera "crescita verso l’alto", vincendo la forza di gravità che invece, schiaccia e comprime il fisico e la psiche verso la terra. Perché, se è vero che la forza di gravità è la nostra “leva” di ancoraggio, non si può negare che essa è anche ostacolo al libero fluire delle energie fisiche e mentali. La Fisionalisi interviene sul rapporto dinamico che si crea tra questa ed il riflesso di opposizione, che dà al corpo la necessaria spinta verso l’alto. Il fisico, nella sua interezza, ne trae beneficio migliorando le proprie capacità funzionali e ammalandosi di meno

Nessun commento:

Posta un commento

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)