Nel porto di Bari grano al pesce marcio proveniente dall'Ucraina.

di Salvatore Trimarchi. Una nave cargo carica di grano è ferma nel porto di Bari da tre giorni ha un carico di 80 mila quintali di grano che puzza di pesce marcio,in precedenza era attracca nel porto di Manfredonia ma non potendo effettuare i dovuti controlli per mancanza di mezzi e uomini hanno deciso di mandarla nel porto di Bari dove si stanno eseguendo tutti i controlli necessari; ecco il risultato delle politiche scellerate dell'Unione Europea,
sono politiche di avvelenamento della popolazione nel nome della globalizzazione,farci arrivare cereali a basso prezzo con micotossine le quali sono tossiche sia per gli animali sia per gli esseri umani,non comprate prodotti di dubbia provenienza informatevi chiedete sempre spiegazioni. Il grano alle micotossine che arriva con queste enormi navi e che sfugge ai controlli va a finire nei mulini dove avviene la macinazione e quindi diventa farina che poi viene utilizzata per fare pasta, pane, pizza ecc,ci stanno avvelenando.

Commenti

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DEL MESE

Cronaca di un ‘ceto medio’ che non c’è più.

Mille euro per tutti!?

Roma Capitale, #alberiperilfuturo. E per Via Savona!?

Il carabiniere cade, gli antifascisti lo pestano.

Lo zoo nell’urna, dal giaguaro smacchiato di Bersani al panda carnivoro di Grillo passando per altre 'bestiali' amenità.

La globalizzazione del lavoro al minimo sindacale.

San Remo. L'Italia, ingabbiata dalla crisi, non canta per amor, canta per rabbia!