PRIMA IL CITTADINO. LA TUA OPINIONE CI STA A CUORE PIÙ DI OGNI ALTRA NOTIZIA.

Rete Europea per il diritto di dissenso, in difesa delle lotte sociali.

di Giuseppe Ottaviano. Istituire una "Rete Europea per il diritto di dissenso in difesa delle lotte sociali": questo l'obiettivo dichiarato del convegno, promosso dall'Osservatorio Repressione, che parte quest'oggi a Bruxelles. L'Osservatorio Repressione apre il dibattito sulle forme della repressione del dissenso analizzando la situazione dei singoli Stati europei, con il fine di non fermarsi alla mera denuncia, ma arrivare a
formulare soluzioni che possano fornire strumenti e garanzie a quanti oggi sono impegnati nelle lotte sociali. "L’ordinamento giuridico nei vari paesi Europei, ha l’intento di relegare le lotte sociali dentro i confini della semplice testimonianza - scrivono gli organizzatori - Azioni, denunce, lotte, contro informazione, non devono in alcun modo uscire dai confini di una 'legalità'. Il dissenso espresso nelle forme più visibili, praticate da tante e tanti, viene sempre più affrontato e narrato come una minaccia, come un problema di 'ordine pubblico' da criminalizzare e condannare". Gli organizzatori sottolineano come la criminalizzazione del dissenso parta da legislazioni Speciali, proprie dello stato di Emergenza, volte a sospendere alcune libertà individuali. Tali normative sarebbero accolte in maniera positiva della popolazione, perché offrono un maggiore senso di protezione, ma che rischierebbero di trasformarsi in vere e proprie forme di repressione per gli attivisti: "Le detenzioni, le sanzioni amministrative, le restrizioni delle libertà oggi, più di ieri, riguardano tutti i settori popolari e sociali. In Europa, stiamo assistendo a un progressivo stato di controllo sociale, dove la libera circolazione è garantita solo a merci e a quanti rispettano le regole." Tra i relatori, invitati a portare la propria testimonianza, c'è Davide Falcioni, ex reporter di Agoravox, oggi a Fanpage. Nel 2012 Falcioni ha pubblicato una serie di articoli per raccontare le proteste dei cittadini contro la creazione della Tav. In particolare ha seguito un gruppo di cittadini e manifestanti durante l'occupazione pacifica di una ditta in Val di Susa. Il reportage si è concluso con l'apertura di un procedimento penale a carico di Falcioni. Il primo confronto è previsto per le 17:30, presso la sala "L'horloge du sud", dove si incontreranno le realtà sociali di movimento europee. Domani, 29 giugno, presso la sede del Parlamento europeo, l'appuntamento è alle 15 per la proiezione del docuflim "Archiviato. L'obbligatorietà dell'azione penale in Valsusa" con un intervento dell'avvocato Claudio Novaro, legale di attivisti No Tav, a seguire il convegno organizzato dal gruppo parlamentare Gue/Ngl.

Nessun commento:

Posta un commento

freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

freeskipeer si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)