Secondo l'Istat i bonus del governo Renziloni avrebbero ridotto disuguaglianze e rischio povertà!

I dati Istat fanno venire in mente la mitica poesia dei 'Polli di Trilussa' sulla Statistica: "...da li conti che se fanno seconno le statistiche d'adesso risurta che te tocca un pollo all'anno: e, se nun entra ne le spese tue, t'entra ne la statistica lo stesso perche' c'e' un antro che ne magna due."!  Ora secondo l'ultimo report dell'Istituto superiore di statistica, la politica economica del governo avrebbe contribuito a ridurre le disuguaglianze all'interno delle diverse fasce di reddito,
grazie all'effetto benefico di alcune delle misure introdotte negli ultimi anni dal governo Renzi: "Le principali politiche redistributive del periodo 2014-2016 (bonus di 80 euro, aumento della quattordicesima per i pensionati e sostegno di inclusione attiva) - scrive l'Istat - , hanno aumentato l'equità della distribuzione dei redditi disponibili nel 2016 (l'indice di Gini è passato dal 30,4 al 30,1) e ridotto il rischio di povertà (dal 19,2 al 18,4%)". L'indagine mette in evidenza proprio l'effetto del complessivo degli interventi dello Stato nella riduzione dell'indice di Gini, il dato che misura in percentuale o in una scala da 1 a 100 il livello di disuguaglianza presente all'interno della popolazione (in cui 1 rappresenta il minimo e 100 il massimo). "Nel 2016 - rileva l'Istat - l’intervento pubblico, realizzato attraverso l’imposizione fiscale e contributiva ed i trasferimenti monetari, ha determinato una riduzione della diseguaglianza di 15,1 punti percentuali dell’indice di Gini: da un valore di 45,2 punti misurato sul reddito primario a uno di 30,1 in termini di reddito disponibile". In altre parole, la progressività delle aliquote fiscali, le pensioni e tutti gli altri trasferimenti dello Stato destinati alle fasce più deboli avrebbero contribuito a livellare le disuguaglianze presenti tra le varie fasce di reddito. Ma le chiacchiere stanno a zero e pure certi numeri a volte non tornano! Basta guardarsi in tasca per vedere se quanto detto dall'Istat è vero oppure se trattasi del solito assist a chi è perennemente a caccia di voti!

Di seguito pubblichiamo il post "Dati Istat: il governo Renzi ha penalizzato i giovani.", del MoVimento 5 Stelle. Il rapporto Istat sulla “redistribuzione del reddito in Italia” è una presa in giro con pochi precedenti. Una vera e propria marchetta nei confronti del defunto Governo Renzi. Il messaggio di fondo del documento è che l’azione del Governo nel triennio 2014-2016 ha ridotto le diseguaglianze, ma non è affatto vero. Basta comparare i dati riferiti al 2016 con quelli del 2012 per scoprire che l’azione redistributiva dello Stato si è indebolita proprio da quando Renzi è salito a Palazzo Chigi. In effetti, se guardiamo all’indice di Gini, cioè l’indice che misura la diseguaglianza dei redditi, vediamo che esso al termine del triennio renziano è del 45,2% prima dell’intervento pubblico e del 30,1% dopo che lo Stato è intervenuto con trasferimenti monetari e imposizione fiscale. Una differenza di 15,1 punti percentuali. Nel 2012, invece, questa differenza era del 18%. Ciò significa che Renzi ha reso meno progressivo il nostro sistema fiscale e previdenziale, favorendo i redditi medio-alti più di tutti gli altri. In altre parole, con Renzi ci siamo allontanati ancor più dal dettato della nostra Costituzione, che predica equità ed eguaglianza sociale. Solo che l’Istat tutto questo non lo dice. Presenta i dati del triennio 2014-2016 senza compararli con quelli degli anni precedenti e ne esce un Renzi progressista che nella realtà non è mai esistito. Ma c’è di peggio. L’Istat si permette di includere nelle stime anche l’estensione della quattordicesima ai pensionati, che non è ancora entrata in vigore. Questa è una scorrettezza scientifica grossolana, indice di evidente malafede. Non basta infatti una noticina a pagina 9 del documento, scritta a caratteri minuscoli e in un italiano complesso, per correggere la grave mancanza. Se anche volessimo limitarci al rapporto così com’è, cioè un testo lacunoso e fazioso, basterebbe leggere a fondo i dati per capire che non sono tutte rose e fiori. Istat non riesce a nascondere che l’intervento pubblico redistribuisce risorse ai pensionati ma ne toglie ai giovani. Si legge infatti che “Il sistema di tasse e benefici, associato a bassi livelli di reddito familiare, determina per le fasce più giovani della popolazione un aumento del rischio di povertà…dal 19,7 al 25,3% per i giovani nella fascia dai 15 ai 24 anni e dal 17,9% al 20,2% per quelli dai 25 ai 34 anni”. A pagare di più sono “i giovani che vivono da soli o in coppia senza figli e, inoltre, i monogenitori e le coppie con figli minori”. Non solo Renzi ha intaccato l’azione redistributiva dello Stato, ma lo ha fatto colpendo il futuro del Paese, le classi giovanili, alla faccia della sua retorica ipocrita. In conclusione, va chiarito con forza che il rapporto Istat è una simulazione, non certo una fotografia del Paese, e che questa simulazione è costruita su basi fragilissime, per non dire di peggio. I tweet entusiastici dei soldatini renziani, quindi, sono solo l’immagine del tragicomico fallimento renziano.

2 commenti:

  1. L'Istat ha diffuso il primo rapporto sulla riduzione della disuguaglianza in cui certifica che "le principali politiche redistributive del periodo 2014-2016 hanno aumentato l’equità e ridotto il rischio di povertà". Ma tra le misure cita anche l'aumento della quattordicesima per i pensionati, che deve ancora partire!!!!!

    RispondiElimina
  2. Istat è un altro da abolire! Tutta una balla e un inganno perché ho già visto anziani che grazie a Istat hanno perso diritti o pensione. Poi Istat ha ammesso "l'errore" e intanto apsettano il ripristino dei diritti. Come fa a stare senza mangiare per qualche mese un anziano? Padoan quante volte mangia a sbafo? E le sue amiche banche? Ci risponda di questo!

    RispondiElimina

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)