Troppo facile.

di Francesco Storace. Mettiamola così: di fronte avevamo un esercito in rotta, quello di una sinistra capace di farsi del male da sola. Litigiosa. Rancorosa. E con quel tasso elevato di corruzione generalizzata in ogni parte della penisola che basta a mandare di traverso le giornate a tutti gli italiani. Poi, i franceschielli, dall'ardito paragone di Beppe Grillo, illuso che bastasse scomunicare una candidatura a Genova e un'altra a Parma per poter vincere le elezioni. Il centrodestra non ha avuto la necessità di fare altro rispetto a quello che chiedono gli elettori. Certo, parlare di esercito regolare sarebbe complicato, ma almeno i tre cecchini -
Berlusconi, Salvini e Meloni, ma non certo da soli - non hanno sbagliato mira e hanno costretto rapidamente Renzi e i Cinque stelle ad abbandonare il sipario sotto i fischi dell'uditorio. Ovviamente, il giubilo è tutto da questa parte del campo, con autentiche godurie elettorali che sono destinate a lasciare un segno indelebile. Aver conquistato tante città rosse è stupendo, Genova, Pistoia, La Spezia, l'Aquila. E poi la fortezza di Sesto Giovanni. E dalle nostre parti aver ritrovato combattente e vincente un colosso della vecchia guardia come Antonio Cicchetti a Rieti (a proposito, Zingaretti ha perso dappertutto, il centrosinistra nel Lazio governa e male un solo capoluogo, Viterbo) è foriero di un buon domani. Impossibile enumerare tutte le vittorie del centrodestra, poche le delusioni, tra queste Padova e Lucca, assieme all'imprevedibile Taranto e all'inaspettata Lecce. Ma vorrei pregare tutti di restare con i piedi per terra. Anche il Movimento nazionale per la Sovranità porta a casa, con i risultati del ballottaggio, un buon numero di ulteriori consiglieri comunali; ma non sarà sempre così facile. Troppo facile. Non troveremo più sulla nostra strada una coalizione che si fa male da sola come è accaduto. Ius soli; i regali di tasca nostra alle banche venete; i pasticci elettorali; la legittima difesa a fasce orarie: lo stipendio di Fazio; ma davvero possiamo pensare che continueranno così? Ecco, guardia alta e smettere di litigare anche perché ci sono stati troppi italiani che a votare non ci sono andati proprio. Probabilmente si voterà col proporzionale alle politiche; e questo non vuol dire affatto che le larghe intese possano riaffacciarsi. Per il dettaglio che se continua così, il Pd si batte da solo e non avrà i seggi necessari. Berlusconi pare prenderne atto e torna ad insistere col centrodestra unito, sia pure con liste diverse e con una prevedibile pretesa di rispetto personale. Difficile prevedere come andrà, ma nessuno si illuda che si possa fare a meno di uno solo dei partner della coalizione, e nemmeno di quelli più piccoli. Un esempio: a Rieti Cicchetti ha vinto per 100 voti. Morena De Marco, nostra candidata nella sua lista civica, 171. Tanto per dire. Unità e basta. L'alternativa, se si cincischia sulla leadership anzichè discutere di programmi per la Nazione, è regalare l'Italia e le regioni che andranno al voto (Lazio, Lombardia e Molise), al derby Pd-Cinque Stelle. Se saremo uniti non ce ne sarà per nessuno.

2 commenti:

  1. Esiste qualcosa di più irritante che essere abbandonate sull’altare dal promesso sposo il giorno delle nozze? Forse solo essere abbandonati alle urne dagli abitanti di Genova e Sesto San Giovanni il giorno delle elezioni. A fare la differenza, in questi casi, è il distacco con cui la vittima è capace di reagire agli strali dell’alterna fortuna. Trattando il trionfo e la disfatta — quei due impostori, li chiamava Kipling — allo stesso modo. Una sposina di Sorso, provincia di Sassari, ha atteso invano l’arrivo in chiesa del suo imminente e latitante marito, un militare di quindici anni più giovane, che al dunque si è barricato eroicamente in caserma, dando tale prova di risolutezza e coraggio che ci si augura non debba mai essere impiegato in battaglia. Anziché andare a strappargli la divisa con le unghie, la moglie mancata si è asciugata le lacrime e ha raggiunto gli invitati al pranzo di nozze, già pagato da lei, per brindare con loro allo scampato pericolo di dovere pagare anche un divorzio. Che aplomb invidiabile. Identico a quello esibito da Matteo, la sposa democratica, che dopo avere corteggiato per anni l’elettore di Berlusconi al punto di farsi un lifting moderato pur di piacergli, al momento culminante è stato mollato per l’originale. Ma anche lui si è comportato come se nulla fosse, fischiettando addirittura di «vittoria a macchia di leopardo». La sola differenza è che la sposa sarda troverà presto un altro pretendente, mentre quella democratica dovrà continuare ad accontentarsi di Alfano.

    RispondiElimina
  2. Voglio rispondere all'appello all'unità con Alfano che Berlusconi mi lancia dalle pagine de 'il Mattino'. Sono d'accordo sul fatto che occorra costruire un centrodestra capace di rappresentare lo scontento e il cambiamento. Ma considero impossibile farlo insieme a chi governa la Sicilia insieme a Crocetta e l'Italia insieme a Renzi. Per come la vedo io, è questo il teatrino della politica che nausea gli elettori, non certo chi chiede serietà e coerenza.

    RispondiElimina

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)