PRIMA IL CITTADINO. LA TUA OPINIONE CI STA A CUORE PIÙ DI OGNI ALTRA NOTIZIA.

Entrate per il sociale: Trieste batte tutti, Napoli ultima.

di Marta Di Nicola. Tra i cittadini italiani, sono i triestini a contribuire maggiormente alle entrate comunali destinate al welfare municipale e, quindi, ad asili, strutture per anziani e altri servizi sociali.
Il dato viene fuori da uno studio realizzato dall’Associazione Openpolis sulle entrate del sociale dedicate ai comuni con popolazione superiore ai 200.000 abitati. Le spese finalizzate alla gestione di queste strutture sono coperte in due modi. Attraverso le entrate tributarie e la fiscalità generale ma anche tramite la compartecipazione degli utenti dei servizi. Tale ultima contribuzione avviene attraverso l’applicazione di tariffe commisurate ad alcuni parametri tra cui il reddito. E’ il caso, ad esempio, delle rette pagate dai genitori agli asili nido. Dati alla mano, chi riscuote entrate nel sociale più consistenti è il comune di Trieste, con 51,42 euro pro capite. Seguono Milano con 39,72 euro per persona, Venezia con 17,76 euro e Bologna con 16,19 euro. Va peggio per il comune di Firenze che riscuote 14,81 euro pro capite seguito da quello di Verona con 10,41 euro, Padova con 7,88 euro ed infine da quelli di Padova, Roma e Genova che riscuotono rispettivamente 7,88 euro, 6,11 euro e 4,49 euro pro capite. Ma i municipi più scontenti non possono che essere quelli di Torino, Catania, Palermo e Bari che hanno un incasso tra i 2, 23 euro e 1,22 euro. A riscuotere meno degli altri è Napoli che per le entrate destinate ai servizi sociali registra appena 1,16 euro pro capite.

Nessun commento:

Posta un commento

freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

freeskipeer si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)