In tre punti il programma di governo di Matteo Salvini.

L'Italia non cresce è ferma in mezzo al tunnel della crisi, ma per contro crescono i poveri, i disoccupati, il debito pubblico e soprattutto aumenta ancora la pressione fiscale: a certificarlo i dati diffusi dall'Istat relativi al primo trimestre del 2017. La pressione fiscale ha, infatti, raggiunto il 38,9%, segnando un aumento di 0,3 punti rispetto allo stesso periodo
dell'anno scorso. Ma come, Renzi non aveva abbassato le tasse? Balle a parte, si tratta di una percentuale elevatissima, che non favorisce certo né la ripresa né i consumi e certifica un pericoloso fallimento delle politiche economiche del governo. A sottolineare il dato è intervenuto Matteo Salvini: "La pressione fiscale in Italia risale al 39%" ha scritto su Facebook il leader leghista". Ma Renzi non aveva mica abbassato le tasse??? Chi lavora in proprio, e paga tutto il dovuto, lascia allo Stato il 70% dei suoi incassi. Pazzesco, il primo Ladro in Italia oggi è lo Stato". Il segretario della Lega, alcuni giorni fa ha rilanciato la sua ricetta economica durante la trasmissione 'Porta a Porta' - facendo il verso a Silvio Berlusconi che vent'anni fa, proprio in quello stesso studio televisivo,  firmò quel 'contratto' con gli italiani, mai realizzato - ribadendo il suo programma di governo, le prime tre cose che farebbe qualora gli italiani gli chiedessero di andare a governare: Via la Legge Fornero, quota cento e poi via, si lascia il posto di lavoro ai più giovani. Stop agli sbarchi e all'immigrazione clandestina. Tassa unica al 15%, pagare meno per pagare tutti, sconfiggere l'evasione fiscale mandando in galera chi evade: sovranità monetaria, via Equitalia e studi di settore, e l'Italia riparte!

Commenti

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DEL MESE

Cronaca di un ‘ceto medio’ che non c’è più.

Mille euro per tutti!?

Roma Capitale, #alberiperilfuturo. E per Via Savona!?

Il carabiniere cade, gli antifascisti lo pestano.

Lo zoo nell’urna, dal giaguaro smacchiato di Bersani al panda carnivoro di Grillo passando per altre 'bestiali' amenità.

La globalizzazione del lavoro al minimo sindacale.

San Remo. L'Italia, ingabbiata dalla crisi, non canta per amor, canta per rabbia!