PRIMA IL CITTADINO. LA TUA OPINIONE CI STA A CUORE PIÙ DI OGNI ALTRA NOTIZIA.

Quel volto sigillato dal burqa.

di Grazia Nonis. La vidi entrare in sala da pranzo sorretta da due donne. Il corpo magro, coperto dalla tunica, il volto sigillato dal burqa. Camminava a stento, rigida. Dava l’idea di non riuscire nemmeno a piegare le gambe. Zoppa, forse pesta di botte, malata. La mia mente proponeva ipotesi e domande, alle quali sapevo non avrei mai dato risposte. Pur non potendo vederla in viso, le diedi vent’anni.
Istinto di donna, materno. Chissà. La misero a sedere ad un tavolo, dove pian piano una decina di persone prese posto accanto a lei. Uomini, o forse è meglio dire “padroni”, e donne insaccate in vestiti neri ed informi, avvolte nei veli, in qualche burqa, un paio di visi scoperti. Ricordo che dovetti impormi di volgere lo sguardo altrove, per non apparire maleducata, sfacciata, troppo europea. Mi fu difficile. Non riuscivo a staccarle gli occhi di dosso. E pur non potendo vederne il volto, o distinguerne i lineamenti, ne percepivo il malessere, il dolore. Non mangiò nulla, e non rivolse la parola a nessuno. O forse, è meglio dire, nessuno si rivolse a lei. Pareva una prigioniera, scortata dalle guardie, per un cambio di cella, per la mezz’ora d’aria. In ogni caso, da controllare a vista. Le altre donne cominciarono a cenare, facendo slalom tra tende facciali che nascondevano bocche e ruminanti mascelle. Mani colme di cibo che sparivano dietro ignobili sipari di stoffa, che celavano volti di donne, sudori, umori, macchie e patacche impossibili da evitare. Restai immobile, imbambolata, arrabbiata, disgustata. Impotente. Incrociai gli occhi della poveretta, ma li abbassammo entrambe, all’unisono, come in un tacito accordo. Vidi le sue sbarre, la sua prigione, la sua protesta. Lei non era come le altre, non accettava, non si piegava. Restò al tavolo molto poco. Se ne andò, così com’era arrivata, sorretta da due donne, camminando a stento. Forse non aveva fame, o molto più probabilmente era malata, inappetente. Io preferisco credere che il suo rifiuto fosse invece l’inizio di una ribellione. Il suo opporsi alla sottomissione. Un grido, un assolo, verso la libertà.

Nessun commento:

Posta un commento

freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

freeskipeer si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)