Caldo Killer: tra il 2071 e il 2100 moriremo di caldo!

Entro fine secolo la salute di 2 europei su tre (pari a 351 milioni di persone) sarà messa a rischio da disastri climatici (in primis le ondate di calore) e il numero di decessi dovuti al clima aumenterà di 50 volte passando da 3000 decessi l'anno nel periodo tra il 1981 e il 2010 a 152000 morti l'anno attesi per il periodo 2071-2100.
Rese note sulla rivista 'The Lancet Planetary Health', sono le proiezioni sviluppate per 28 paesi europei più Svizzera, Islanda e Norvegia. Ad essere maggiormente colpiti saranno gli abitanti dei paesi dell'Europa Meridionale. A provocare il 99% di tutti i morti dovuti a disastri legati a condizioni meteo eccezionali saranno le ondate di calore. "Il cambiamento climatico è una delle minacce globali maggiori per la salute umana del XXI secolo e il suo pericolo per la società sarà sempre più connesso a eventi legati a condizioni meteo estreme", spiega l'autore del lavoro Giovanni Forzieri, ricercatore del Joint Research Centre della Commissione Europea, in Italia. A meno che il riscaldamento globale non sarà messo a freno con misure appropriate e tempestive - afferma l'esperto - circa 350 milioni di europei potrebbero essere esposti a condizioni meteorologiche estreme su base annuale entro la fine del secolo". Lo studio si basa su una vasta mole di dati relativi al periodo 1981-2010, che includono la tipologia di disastro, l'anno e il numero totale di vittime, per stimare la vulnerabilità della popolazione a ciascuno dei disastri meteorologici considerati nello studio che vanno da incendi boschivi a siccità, da ondate di calore a ondate di gelo, da alluvioni che interessano coste e fiumi a tempeste di vento. Forzieri ha calcolato che - solo per le ondate di calore - si passerà da 2700 morti l'anno a 151500 decessi l'anno nei due periodi considerati. Il problema riguarderà soprattutto il Sud dell'Europa dove entro fine secolo per tutti i problemi meteo presi in esame sono attesi 700 decessi l'anno per milione di abitanti.

1 commento:

  1. La Terra ha la febbre, altissima, mai cosi alta negli ultimi 1500 anni, e la colpa è nostra e dei gas serra che emettiamo. Gli americani avvertono ora gli effetti del cambiamento climatico quanto il clima cambierà in futuro dipende dalle emissioni. Le prove del cambiamento climatico sono abbondanti, dall'alto dell'atmosfera alla profondità degli oceani E se ci fossero dubbi su chi è il responsabile di questo cambiamento, ci sono evidenze che dimostrano come le attività umane, specialmente le emissioni di gas serra, sono le principali responsabili per i cambiamenti climatici rilevati nell'era industriale. Non ci sono altre spiegazioni alternative, non si tratta di cicli naturali che possano spiegare questi cambiamenti climatici

    RispondiElimina

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)