Ombrellone lasciato in spiaggia? Multa e anche reato.

di Valeria Zeppilli. La battaglia all'abbandono degli ombrelloni sulle spiagge libere è iniziata anche quest'anno e vede in prima fila il Comune ligure di Bordighera, che l'anno scorso ha comminato per tale ragione ben 112 sanzioni amministrative ai bagnanti e che quest'anno ha già avviato i controlli a tappeto sul litorale. Il fenomeno contrastato è quello rappresentato dalla prassi di lasciare sulla spiaggia ombrelloni e lettini
per potersi accaparrare il posto migliore. Molte ordinanze comunali a tal proposito pongono dei limiti di orario entro i quali è possibile fruire delle spiagge libere, prevedendo multe sino a diverse centinaia di euro per chi non si adegua. Si pensi, ad esempio, all'ordinanza emanata dal Comune di Follonica, che prevede la rimozione coattiva e senza formalità degli oggetti lasciati incustoditi sull'arenile o in zone limitrofe (ad esempio agganciati ad alberi o pali) e delle sanzioni amministrative di importo fino a 500 euro per i trasgressori. Alle diverse previsioni locali, peraltro, si aggiunge anche quanto previsto dal codice della navigazione che, all'articolo 1161, pone il divieto di occupazione arbitraria delle spiagge demaniali sanzionandolo penalmente con l'arresto fino a sei mesi o con l'ammenda fino a 516 euro, sempre che il fatto non costituisca un più grave reato. Non ci sono dubbi quindi: è decisamente meglio portare il proprio ombrellone a casa e svegliarsi presto se si vuole un buon posto, visto che le conseguenze, in caso contrario, non sono affatto insignificanti.

Nessun commento:

Posta un commento

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)