Portofino, "No" all'accoglienza dei migranti. Ma la Prefettura impone i Cas.

Si fa presto a dire accoglienza e integrazione, quando il problema 'migranti' resta a debita distanza, fuori dalla porta di casa propria. Quando gli 'sbarchi' di migliaia di profughi non  toccano da vicino e si fermano 'lontano', in Sicilia, siamo tutti bravi, buoni e... ospitali. Fino a che non capita come a Portofino. Il comune, perla della Riviera ligure e meta di turisti e "vip" , si aggiunge all'elenco di quelli che si rifiutano di accogliere i migranti.
"Non abbiamo case libere", taglia corto il sindaco, Matteo Viacava contattato da La Repubblica. "Il nostro è un centro turistico importantissimo e alloggi liberi non ne abbiamo: la graduatoria dei residenti che aspettano l'assegnazione della casa popolare è infinita". Ma la prefettura di Genova, per ovviare all'ostruzionismo di 24 amministrazioni locali "ribelli", quasi tutte ubicate sulla Riviera si è rivolta ai privati, con un bando in scadenza il 28 agosto che di fatto impone i Cas, i Centri di accoglienza straordinaria. Obbiettivo è collocare, in tempi brevi, circa 700 stranieri, poichè Genova è già satura con oltre 2500 presenze.

Commenti

daniele ha detto…
Guerriglia a Roma per lo sgombero dei migranti. Questo accade perchè qualcuno ha rifiutato i nuovi alloggi. Tra Caos e violenza ora li dobbiamo mantenere. Qualcuno dice che la colpa è del capo della Polizia che inneggiava a spaccare qualche braccio a chi dimostrasse di perseguire la strada della violenza e del dissenso. Sono Padroni di fare quello che vogliono, colpa delle politiche sbagliate e di incompetenti in Parlamento. Che merda di Paese, mi raccomando non fate sciacallaggio moralista di sinistra.
PoveraItalia ha detto…
La verità è che nessuno vuole i migranti a casa sua. Tutto il resto è ipocrisia e speculazione di chi 'ingrassa' con le misere umane e con poveri questi disgraziati che vengono portati in Italia facendogli credere che qui da noi si sta bene: balle, qui non ce n'è neppure per gli italiani!

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DEL MESE

Cronaca di un ‘ceto medio’ che non c’è più.

Roma Capitale, #alberiperilfuturo. E per Via Savona!?

Il carabiniere cade, gli antifascisti lo pestano.

Mille euro per tutti!?

Lo zoo nell’urna, dal giaguaro smacchiato di Bersani al panda carnivoro di Grillo passando per altre 'bestiali' amenità.

La globalizzazione del lavoro al minimo sindacale.

San Remo. L'Italia, ingabbiata dalla crisi, non canta per amor, canta per rabbia!