Italia insicura.

Alle emergenze sociali di un Paese dilaniato da una crisi economica e finanziaria senza fine, si vanno rovinosamente sommando anche le criticità di un territorio idrogeologicamente insicuro. Prima i terremoti, i crolli, i morti, il caldo, la siccità, gli incendi, le coltivazioni e gli allevamenti decimati dalla canicola. Adesso le perturbazioni devastanti che, come gli esperti prevedono, si abbatteranno rovinosamente sull’Italia con piogge torrenziali, bombe d'acqua, inondazioni, frane e slavine. Siamo un Paese ad altissimo rischio idrogeologico e con una classe dirigente di bassissimo spessore incapace di governare e di amministrare la cosa pubblica, di gestire le emergenze e tanto meno di prevenirle.
Ricostruzione e Rinascita sono soltanto parole che restano stampate sui manifesti per il tempo di una campagna elettorale: tante chiacchiere, pochi fatti! Mai l’Italia è stata tanto insicura come oggi.

Commenti

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DEL MESE

Cronaca di un ‘ceto medio’ che non c’è più.

Mille euro per tutti!?

Roma Capitale, #alberiperilfuturo. E per Via Savona!?

Il carabiniere cade, gli antifascisti lo pestano.

Lo zoo nell’urna, dal giaguaro smacchiato di Bersani al panda carnivoro di Grillo passando per altre 'bestiali' amenità.

La globalizzazione del lavoro al minimo sindacale.

San Remo. L'Italia, ingabbiata dalla crisi, non canta per amor, canta per rabbia!