Ma chi è quell'attrice bellissima? Maria Elena Boschi.

I politici sono dei grandi attori: recitano la loro parte a memoria, non dicono mai quello che pensano veramente, ammesso e non concesso che abbiano un pensiero proprio, ma si attengono scrupolosamente al 'copione', sono fotogenici, hanno un entourage che ne cura l'immagine e reggono il primo piano come i più navigati divi di Hollywood. Poco importa cosa fanno di concreto per il bene comune - poco e niente, a dire il vero, se non addirittura male - ma ciò che colpisce la stragrande maggioranza dell'opinione pubblica è la loro parlantina e anche la loro avvenenza.
Così capita di veder sfilare sul red carpet della 74ª edizione della Mostra del Cinema di Venezia Maria Elena Boschi, l'unica cosa davvero bella, ma proprio bella, di questa brutta politica. Una visione tanto angelica quanto inattesa, soprattutto da parte dei media esteri, che non riconoscendo la sottosegretaria alla Presidenza del Consiglio, l'hanno scambiata per una delle tante star che in questi giorni popolano la Laguna. "Ma chi è quell'attrice bellissima?", si sono chiesti da dietro le transenne. Bella da mozzare il fiato, sobria e chic come sempre, la Boschi ha indossato un abito nero aderente con rossetto rosso, capelli raccolti e niente gioielli al collo. In perfetta linea con il nuovo trend in voga a Hollywood, dove sempre più spesso, sul tappeto rosso, le stelle preferiscono gli orecchini al collier.

Nessun commento:

Posta un commento

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)