Ma cos’è quella scritta sul retro della maglia della Juventus?

Ma cos'è quella scritta, mai vista finora, proprio sotto il numero delle maglie della Juventus? E' uno sponsor! Infatti, per la prima volta nella sua storia, la Juventus si fregia della presenza di un marchio anche sul retro delle maglie da gara. Si tratta di "Cygames", una società specializzata nello sviluppo di videogiochi e il suo debutto sul terreno di gioco è stato il 22 luglio, nella sfida contro il Barcellona, nella tournée di New York. La cifra dell’accordo non è stata comunicata, ma considerando che "Jeep", main sponsor presente nella parte frontale delle divise, versa circa 17 milioni di euro l’anno
per l’operazione, c’è chi stima che l’emolumento di Cygames si attesti sui 10-12 milioni annui. Considerando la durata triennale dell’accordo, quindi, si parla di una cifra che oscillerebbe tra i 30 e i 36 milioni. Corposa, certo, ma l’utilizzo del brand Cygames ha anche un alto valore d’immagine per l’ambito mercato asiatico, dove la società ha sede. Siamo di fronte, infatti, ad un’azienda che ha i suoi uffici al quindicesimo piano della Sumitomo-Fudousan Shibuya Garden Tower, in quel di Tokyo. Fondata nel Maggio del 2011 dal venture capital CyberAgent, quotato al NASDAQ, Cygames Inc. ha lanciato il suo primo prodotto nel Settembre dello stesso anno. Si trattava di Rage of Bahamut, un “card game” di stampo fantasy sviluppato direttamente da Cygames e pubblicato dal colosso DeNA. Dopo il successo iniziale nel territorio giapponese, il gioco, per Android e iOS, ha conosciuto una certa fortuna anche al di fuori dei confini nazionali, toccando quota tre milioni di giocatori esteri.

Nessun commento:

Posta un commento

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)