lunedì 25 settembre 2017

Roma, Via Savona: poche piante (...oggi ne rimane una sola) e tante auto!

di Antonella Rm. Ho più volte segnalato al Comune di Roma il fatto che Via Savona, un tempo completamente alberata, è rimasta con appena quattro, dico 'quattro', piante e per giunta malandate. Ma niente! Mai nessuna risposta, né tantomeno alcun intervento da parte del Comune, per cui  a tutt'oggi le piante abbattute non sono mai state sostituite con delle nuove!
Per tutta risposta, proprio in questi giorni il Comune ha vietato il posteggio delle auto lungo la strada per provvedere “all’abbattitura” di quelle quattro piante rimaste ancora in piedi! Da queste parti, sino ad oggi, non si era visto mai nessuno degli addetti ai giardini pubblici. E così, Via Savona è rimasta completamente ‘spoglia’ delle sue piante, diventando come uno dei tanti parcheggi per auto e moto della Capitale: un'area urbana completamente desertificata, fatta eccezione per quelle erbacce che vengono fuori dalle buche dell'asfalto in completo disfacimento. Del resto cosa ci si poteva aspettare da un’Amministrazione comunale che per gli interminabili lavori della Metro C ha prima abbattuto tutte le piante dell'adiacente Via La Spezia, di cui Via Savona è una traversa, e poi le ha ‘rimpiazzate’ con qualche sporadica e sofferente pianta di ‘mandarino’? Si parla tanto di verde, di surriscaldamento del pianeta, di buco dell’ozono, di effetto serra, d'inquinamento e smog, ma se poi non si riesce a rinverdire una zona di Roma che un tempo era ombreggiata da piante secolari, come possiamo sperare di salvare addirittura il pianeta?
P.S.: Oggi Lunedì 25 settembre 2017 finalmente sono arrivati gli addetti al 'verde' del Comune di Roma che hanno 'raso al suolo' Via Savona lasciando in piedi solo una vecchia pianta. Ma forse non erano propriamente gli addetti al 'verde' di Roma, ma - parimenti all'intervento effettuato - gli addetti alla 'desertificazione' della Capitale!
_______________________________________________________________________________
LA REPLICA. Piantiamo alberi per far rinascere la vita. di MoVimento5Stelle. Domenica 19 novembre (e quella successiva in caso di maltempo) verranno messi a dimora decine di migliaia di alberi. Ad oggi una cinquantina di gruppi, di altrettante città, stanno organizzandosi per questa iniziativa. Un progetto di partecipazione ambientale aperto a tutti, che è nato due anni fa e che si allarga sempre di più. Un progetto che è sempre stato nel cuore di GianrobertoIl 19 novembre, in una sola giornata, migliaia di cittadini di Roma, Milano,Torino, Reggio Emilia, Brescia, Carrara, Fabriano, Carbonia, Pomezia (Roma), Sedriano (Mi), Rubiera (Re), Dorgali (Nu), Lacchiarella (Mi), Melzo (Mi), Rocca Imperiale (Cs), solo per citare alcuni Comuni, si ‘armeranno’ pacificamente di zappe, badili e palette per fare un altro piccolo passo verso un Mondo migliore e più pulito. Tra le adesioni anche quella molto significativa di Assisi, la città di San Francesco. Ma tante altre se ne stanno aggiungendo ora dopo ora. Tutti insieme, da cittadini, inizieremo a creare nuovi boschi urbani, fasce boscate o implementeremo parchi già esistenti. Una azione fondamentale per contrastare l’inquinamento. Se ci sono criminali che bruciano decine di migliaia di alberi, c’è chi risponde loro mettendone a dimora sempre di più. Se ci sono politici (spesso collusi con mafie e corrotti) che hanno cementificato e devastato i nostri territori, c’è chi lo rende più verde creando nuovi boschi urbani e parchi. Se c’è chi inquina, c’è chi mitiga gli effetti dell’inquinamento creando nuove fasce boscate vicino a strade, autostrade, tangenziali. PER ADERIRE: Le Amministrazioni ed i gruppi Comunali (del MoVimento 5 Stelle e di tutti i colori politici) che vogliono mettere a dimora alberi per garantire un futuro ai cittadini, possono inviare una mail a questo indirizzo: alberiperlavita@gmail.com
"Una persona può credere alle parole ma crederà sempre agli esempi" (Gianroberto Casaleggio)

2 commenti:

  1. Povera Roma, che non è capace di produrre nessun grande evento, ma solo di copiare o pensare ai rubinetti. Ciò che oggi rischia di nuocere fortemente a Roma non è solo la sua infinita, provinciale presunzione, ma il deficit di una classe dirigente valutata nel suo complesso, e in particolare una evidente mancanza di consapevolezza rispetto alle dinamiche innescate dalla rivoluzione digitale che sta cambiando il mondo.

    RispondiElimina
  2. Domenica 19 novembre: 21.408 alberi per il nostro futuro. 21.408 alberi in più per le nostre città. Li metteranno a dimora domenica 19 novembre (e successive in caso di maltempo) migliaia di cittadini, associazioni e portavoce nelle istituzioni di 41 Comuni, in occasione della Giornata Nazionale degli Alberi. Un numero che potrebbe crescere ancora, con nuove adesioni (i Comuni che non hanno ancora comunicato gli alberi che metteranno a dimora possono inviare una mail a: alberiperlavita@gmail.com).
    Un progetto di forestazione urbana partecipata aperto a tutti promosso dal 2015 dal Movimento 5 Stelle insieme a Gianroberto.
    Un’idea che si trasforma in realtà e cresce ogni anno. Tra i 41 Comuni partecipanti quest’anno, diversi non sono governati dal Movimento 5 Stelle, ma hanno capito l’importanza di questa azione partecipata. Lo hanno fatto aderendo e/o autorizzando la messa a dimora di nuovi alberi da parte di volontari. Gli alberi come l’aria e la salute sono di tutti.
    Dal 2015 ad oggi, coinvolgendo direttamente i cittadini, sono già stati messi a dimora circa 4.000 alberi tra Reggio Emilia (), Milano, Torino, Cavriago (Reggio Emilia), Mira (Venezia).
    Ogni albero piantato da un cittadino è un passo in più verso un cambiamento che non si può più rimandare. Sarà una iniziativa senza alcuna bandiera politica, distinzione religiosa o sociale. Una azione ispirata anche alle parole dell’Enciclica Laudato Sì di Papa Francesco, ai programmi delle Nazioni Unite e della FAO.
    Come una grande comunità, metteremo a dimora migliaia di piante per tutti.
    La forestazione urbana è una delle misure necessarie per combattere i cambiamenti climatici e l’emergenza sanitaria dovuta all’inquinamento.
    Ogni albero assorbe circa 15 kg di CO2. Produce ossigeno per 2,5 esseri umani, assorbe e blocca le polveri sottili, incamera ozono e migliora il microclima . Creare boschi urbani e barriere vegetative nelle città ed a fianco di zone di grande scorrimento (autostrade, tangenziali etc) ci aiuta a contenere l’inquinamento anche acustico, favorendo la biodiversità ed il ripopolamento faunistico. Nelle vicinanze delle zone interessate da una intensa forestazione urbana le temperature si abbassano naturalmente di 1-2 gradi.
    Partecipare è semplice: basta amare la propria comunità e portarsi da casa una pala/una paletta da giardino, guanti e seguire sul posto le istruzioni che vi verranno fornite.

    RispondiElimina

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

SCRIVI E INVIA UN ARTICOLO A FREESKIPPER


Nome e Cognome

Email

Titolo dell’articolo

Testo


Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *