Mettere il Voto di fiducia è un pò fare come il marchese del Grillo.

di Maria Pia Caporuscio. Chissà se le masse popolari sanno cosa significa mettere la fiducia per far approvare una legge? Probabilmente no, essendo volutamente tenuti nell’ignoranza da tutta la classe dirigente. E’ chiaro che nell’ignoranza si governa bene, se il popolo fosse in grado di capire quel che realmente fanno, sarebbero guai per lor signori. Un governo che pone la fiducia per far approvare una legge, sa bene che ciò che propone è sbagliato e teme che persino il suo stesso governo gli si rivolti contro,
sfiduciandolo e allora li ricatta minacciando di togliere la poltrona, a chi osa votare contro. Questo modo di fare non è solo un abuso di potere, ma si tratta di mancanza di rispetto sia nei confronti dei cittadini che li mantengono all’ingrasso, sia contro i componenti del suo stesso governo. Un governo che arriva a porre la fiducia addirittura su una legge elettorale, è molto più di un abuso, è un offesa tipo quella del marchese del Grillo: “Io sono io e voi non siete un cazzo”. Permettere a questi abusivi (privi di ogni e qualsiasi merito per essere alla guida di una nazione) di compiere l’assassinio della Costituzione e far trattare i cittadini italiani come zombie, è un crimine. Il popolo deve essere contro il governo quando il governo è contro il popolo! Ogni uomo deve ribellarsi a chi intende sottometterlo, non deve permettere a nessuno di privarlo dei propri sacrosanti diritti, non deve farsi schiacciare da nessuno, tanto più da coloro che sono pagati per difenderlo, altrimenti merita tutto il male che proprio lui permette gli venga fatto!

2 commenti:

  1. Di Maio su facebook27 ottobre, 2017

    Il presidente del Senato Grasso è uscito dal Pd perché con la vergognosa approvazione del Rosatellum sono state messe in imbarazzo le istituzioni. Nel Pd sono rimasti solo Renzi, i Renzi boys e Verdini. Il Pd insomma è quello dove il condannato Verdini si sente a suo agio e quello da cui il procuratore nazionale antimafia esce. Mattarella dovrà tenere conto del gesto della seconda carica dello Stato al momento della firma di questa legge incostituzionale.

    RispondiElimina
  2. D'Alema a Radio Capital27 ottobre, 2017

    Gentiloni esce profondamente ridimensionato sul piano della sua qualità di statista: avendo solennemente promesso che il governo non si sarebbe ingerito, mettendo la fiducia è diventato come Renzi, è ufficialmente un bugiardo come Renzi. Ed è forse quello che Renzi voleva: era indispettito dalla maggiore credibilità di Gentiloni. Un effetto collaterale voluto credo sia stato quello di ridurre la credibilità di Gentiloni. Il che ci fa capire la carica distruttiva di questa leadership, che per sopravvivere deve distruggere i suoi, umiliare i suoi collaboratori.

    RispondiElimina

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)