Yescarta, la terapia genetica che trasforma i linfociti in killer del cancro.

Tanti progressi e tante vite sono state salvate dalla medicina, ma la battaglia contro il cancro non è ancora vinta. Tuttavia la ricerca continua segnando un ulteriore passo in avanti che potrebbe rivelarsi epocale nella lotta contro il cancro. La Food and Drug Administration Usa ha infatti autorizzato una nuova classe di terapia genetica per trasformare le cellule
del sistema immunitario (linfociti) del paziente, in "killer" della massa tumorale. La terapia, chiamata "Yescarta" e prodotta dalla Kite Pharma, è stata autorizzata per gli adulti affetti da "linfoma non-Hodgkin", ossia neoplasie maligne del tessuto linfatico, che sono stati già sottoposti ad almeno due trattamenti chemioterapici senza però ottenere miglioramenti. Secondo quanto spiegano i ricercatori, il nuovo trattamento genetico trasforma le cellule del paziente in "un farmaco vivente" che attacca le cellule cancerogene. Si tratta dell'ultima frontiera raggiunta dalla ricerca nel settore dell’immunoterapia che usa farmaci o modifiche genetiche per "inserire il turbo nel sistema immunitario". Secondo quanto scrive il New York Times, soltanto negli Stati Uniti almeno 3.500 pazienti potrebbero esser trattati con la nuova terapia genica che ha un costo di 373.000 dollari. La terapia, però, è piuttosto complessa: va studiata e calibrata per ogni singolo paziente, poiché ognuno ha un sistema immunitario diverso. Inizialmente, la cura era stata elaborata dal National Cancer Institute, che ha poi stretto accordo con la Kite Pharma nel 2012, il colosso della farmaceutica che ha fornito i fondi per trasformare la teoria in realtà ed ottenerne poi i diritti di sfruttamento.

Commenti

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DEL MESE

Cronaca di un ‘ceto medio’ che non c’è più.

Roma Capitale, #alberiperilfuturo. E per Via Savona!?

Il carabiniere cade, gli antifascisti lo pestano.

Mille euro per tutti!?

Lo zoo nell’urna, dal giaguaro smacchiato di Bersani al panda carnivoro di Grillo passando per altre 'bestiali' amenità.

La globalizzazione del lavoro al minimo sindacale.

San Remo. L'Italia, ingabbiata dalla crisi, non canta per amor, canta per rabbia!