Eccessi della natura ed eccessi dell’uomo.

di Pier Giorgio Tomatis. La Natura, che molti venerano come una Dea, dispensatrice di vita e di morte, è un vero e proprio simbolo di eccessi. Il fatto che il pianeta Terra ospiti la vita è dovuto principalmente alla presenza dell'acqua e di una atmosfera che impedisce alla stessa di trasformarsi e di impedire la sua più peculiare funzione. Essa è il mezzo di trasporto più importante che c'è. Il ciclo dell'acqua, ovvero il suo spostamento da una parte all'altra del mondo, è fonte di vita e prosperità per flora e fauna.
Tuttavia, anche se amica e dispensatrice di benefici per l'esistenza di tutto e tutti, la Natura sa anche essere spietata e indolente. Una buona parte del nostro pianeta (e grazie all'uomo queste zone sono in costante aumento) sono desertiche e l'acqua è rara quanto un 6 al superenalotto. Sulla Terra ne esistono parecchi. I territori con deserti superiori a 50 mila chilometri quadrati di ampiezza si trovano in Algeria, Ciad, Egitto, Libia, Mali, Niger, Mauritania, Marocco, Sudan e Tunisia, Arabia saudita, Giordania, Iraq, Kuwait, Qatar, Emirati Arabi Uniti, Oman e Yemen, Mongolia e Cina, Angola, Botswana, Namibia e Sudafrica. Se il caldo e l'assenza di acqua può sembrare un serio problema per l'uomo e la vita altrettanto può essere considerato il suo eccesso. I ghiacciai, infatti, coprono attualmente circa 15 milioni di km2 delle terre emerse. In ognuno dei due casi (deserto o ghiacciaio) la vita è assente, sospesa o nascosta. Il troppo caldo così come il troppo freddo sono condizioni che sfavoriscono l'insediamento della maggior parte delle creature viventi. Anche in Economia. Soprattutto in Economia. L'1% della popolazione mondiale detiene una ricchezza superiore al restante 99%. Gli 80 uomini più ricchi del pianeta detengono una ricchezza pari a quella del 50% della popolazione più povera. Pochi ricchissimi, tanti poverissimi. Chi non ha denaro non può risolvere i propri problemi esistenziali. Chi ne ha troppo non riesce a disfarsene con la stessa velocità di quanto riesce a guadagnarne. Troppi soldi, pochi soldi. Troppo caldo, troppo freddo. La Natura insegna e l'uomo impara. Peccato. La coscienza e l'intelligenza potevano cambiare molte cose... e invece...

Commenti

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DEL MESE

Cronaca di un ‘ceto medio’ che non c’è più.

Roma Capitale, #alberiperilfuturo. E per Via Savona!?

Il carabiniere cade, gli antifascisti lo pestano.

Mille euro per tutti!?

Lo zoo nell’urna, dal giaguaro smacchiato di Bersani al panda carnivoro di Grillo passando per altre 'bestiali' amenità.

La globalizzazione del lavoro al minimo sindacale.

San Remo. L'Italia, ingabbiata dalla crisi, non canta per amor, canta per rabbia!