Furto Miliardario. L’evasione sottrae ai paesi più poveri 100 miliardi l’anno!

di Slow Revolution. E’ il furto del millennio. Perfetto. Perpetrato a livello globale a danno di miliardi di persone ignare e con un bottino stratosferico impossibile da computare. E con colpevoli noti lasciati liberi di operare per anni. Perché non sono poveri bisognosi spinti dalla disperazione a sottrarre i beni altrui, ma ricchi e potenti desiderosi di soddisfare capricci addizionali. E lo fanno rubando medicinali e attrezzature sanitarie, l’assistenza a disabili e malati e le risorse per la tutela dell’ambiente e del territorio, sottraendo il diritto all’istruzione ai bambini, i sussidi ai poveri e decurtando le pensioni agli anziani. E’ quanto emerge dai Paradise Papers, l’inchiesta dell’International Consortium of Investigative Journalists (Icij) sulle pratiche per occultare i patrimoni nei paradisi fiscali e societari.
Un indagine, per la verità, che svela soltanto la punta dell’iceberg su evasione, elusione e altri metodi adoperati da regnanti, politici, industriali e altre celebrità per sottrarsi dal partecipare a quel patto sociale noto con il nome di tasse. Le rivelazioni svelate da L’Espresso, Report e dagli altri 94 media del mondo riguardano soltanto due studi internazionali di professionisti che forniscono e gestiscono società offshore, l’Appleby nelle Bermuda e l’Asiaciti Trust a Singapore. Un numero infinitesimale se si considera che le buone pratiche dell’elusione e dell’evasione godono di estimatori pure nei più piccoli studi di commercialisti nazionali e internazionali. Siamo in uno strano mondo dove i capitali, anche illeciti, sono liberi di oltrepassare i confini di Stato mentre il vagare delle persone è ostacolato da muri, fili spinati e regole restrittive, ma solo per i poveri del globo. E così flussi miliardari di denaro si riversano nei paradisi fiscali in massa tanto da renderne impraticabile il conteggio. A provare a fornire dei numeri è Oxfam, organizzazione impegnata dal 1942 a combattere la povertà. Secondo i responsabili della sede italiana la sola evasione ed elusione fiscale delle multinazionali sottrarrebbero “ai paesi più poveri 100 miliardi di dollari l’anno, sufficienti per mandare a scuola 124 milioni di ragazzi e salvare la vita di 6 milioni i bambini”. Ad essere cinici si potrebbe asserire che le corporation contribuiscono a eliminare le “merci” inutili al sistema capitalistico, le persone definite dal sociologo Zygmunt Bauman “consumatori difettosi” perché così poveri da non potere contribuire alla crescita economica tramite l’acquisto di beni e servizi. Una cancellazione fruttuosa pure per ridurre il “fastidioso” flusso di migranti in cerca di fortuna nel mondo ricco, in realtà sempre più povero a causa della rapina del millennio. “In Europa e negli Stati Uniti rispettivamente sono 76 miliardi di dollari all’anno e fino a 135 miliardi di dollari all’anno le stime dell’ammanco erariale riconducibile a pratiche di abuso fiscale da parte delle imprese multinazionali”. E si tratta soltanto di stime parziali per le imprese al quale si devono aggiungere le cifre omesse dalle persone fisiche. Noi umani "normali" possiamo fare poco per fermare la bramosia dei potenti. I pochi strumenti a nostra disposizione sono il voto e la partecipazione. Non usarli equivarrebbe a divenire complici dei ladri del bene comune. In nostro aiuto arrivano le petizioni create per chiedere ai governi “di anteporre gli interessi della maggioranza dei cittadini a quelli delle corporation e dei super ricchi” come quelle di Oxfam e del politico inglese Gordon Brown su Avaaz. Da firmare.
  • Per firmare la petizione Oxfam clicca >>> qui 
  • Per firmare la petizione di Gordon Brown clicca>>> qui 

19 commenti:

  1. Voglio ringraziare sinceramente la Redazione di Freeskipper ITALIA per questa grande opportunità che da a tutti noi per confrontarci su questa pubblica 'piazza'. Grazie.

    RispondiElimina
  2. Bisognerebbe fargli quello che il Ku Kluz Klan faceva ai neri ma al posto della caccia al negro, la caccia al ricco!

    RispondiElimina
  3. Sonia Freddi17 novembre, 2017

    Ecco questo commento della 'mariapiacaporuscio' è l'esatto contrario di come dovrebbe essere utilizzato il libero spazio messo a nostra disposizione da Freeskipper, purtroppo taluni eccedono e si lasciano andare a frasi violente e ad espressioni poco felici, dalle quali personalmente prendo le debite distanze e mi dissocio categoricamente: la violenza genera solo altra violenza!

    RispondiElimina
  4. Mi permetto di ricordare che in Italia c'è la VOLUNTARY coloro che ci incappano ci lasciano il 90% dei soldi detenuti nei paradisi fiscali. E'un buon inizio, però nessuno parla di questa VoluntarY Disclousure. Documentatevi perchè è un ottimo inizio, prima in Italia non c'era nulla, qualcosa è meglio del nulla.

    RispondiElimina
  5. Condivido l'opinione della signora FREDDI, certi toni a mio avviso sono sempre da evitare.

    RispondiElimina
  6. Dunque cara Sonia è permessa la violenza solo alla casta del potere e il resto del mondo deve subirla come cosa naturale? Quando si viene attaccati non si può restare inerti, bisogna difendersi e ognuno deve farlo con quello che ha, altrimenti non lamentiamoci più e lasciamo a quell'uno per cento di distruggere tutto, anche il pianeta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sonia Freddi17 novembre, 2017

      Purtroppo non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire. "Occhio per occhio dente per dente" è una risposta tribale ed arcaica. Nel terzo millennio, se mi consenti, preferisco risposte civili e democratiche quali il voto e la partecipazione alla vita pubblica, una partecipazione civile, pacifica e democratica: assolutamente non violenta.

      Elimina
  7. Certo con occhio per occhio non si conclude niente e con l'ignavia cosa si conclude? Perché se rispondere alle offese è tribale, stare a guardare è da vili!
    Io non parlo affatto per me, ma per i tutti i cittadini schiacciati da questi assassini, insensibili alle sofferenze altrui e sensibili solo al dio denaro. Stando così le cose dovevamo lasciar fare anche Hitler invece di fargli la guerra, oppure in guerra è normale ammazzare vecchi donne e bambini mentre in tempo di finta pace è giusto lasciarglielo fare? Dove sta la differenza fra i dittatori politici e i dittatori economici?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu sei proprio 'fuori'. Comunque all'armatevi e partite per fare la 'tua' rivoluzione violenta e sanguinaria, non risponderà nessuno, per nfortuna, Quindi, cara mariapia, ti consiglio di disarmarti, di sputare tutto il veleno e l'odio che hai in corpo e di stare più serena.

      Elimina
    2. Quanto non hai capito nulla di me,
      io non posso sopportare l'ipocrisia capito? Non posso accettare che si condannano i dittatori di una nazione e si accettano i dittatori globali, non sopporto la pelosa bomtà di chi si scanna per un graffio alla propria macchina e resta indifferente alle sofferenze del prossimo. Comunque basta così ognuno rimane con le proprie opinioni.

      Elimina
    3. Vedi, mariapia, io non avrò capito niente di te, anche perchè non sono una psicologa, ma posso consigliarti di essere verbalmente meno violenta, le stesse cose che tu dici con tanta 'foga' puoi ugualmente esporle con pacatezza, anche perchè sono in molti a leggerle e il tuo scivere deve educare, far riflettere, ma giammai 'aizzare' gli animi! con simpatia serena

      Elimina
    4. Vedi Serena il modello distruttivo di questi moderni “padroni del mondo” è responsabile di tutti i mali che affliggono l’umanità, ma anche lo stesso pianeta. Continuano a scatenare guerre per derubare nazioni povere e disarmate (ma ricche di petrolio) fregandosene dei morti che si lasciano dietro. Se ne fregano dei devastanti problemi ambientali: inondazioni, acidificazioni degli oceani, siccità. uragani, disgeli, innalzamento del livello del mare, sempre per lo stesso identico egoismo di imperare e piuttosto che condannare questi soggetti (i nostri irresponsabili governanti) li hanno spalleggiati.
      Noi siamo stati testimoni impassibili non solo della morte di milioni di esseri umani, ma anche della deforestazione, della conversione di terre, della desertificazione, delle alterazioni dei sistemi d’acqua dolce, dello sovrasfruttamento del patrimonio ittico, della contaminazione e della perdita della diversità biologica. Oggi lo sfruttamento esagerato della terra supera del 30% la sua capacità di rigenerazione. Il pianeta sta perdendo la capacità di autoregolarsi, ogni giorno si buttano più rifiuti di quanti possano essere smaltiti, mentre tre quarti di esseri umani patisce la fame. Dinanzi all’oscena, insaziabile sete di ricchezze di quel gruppo di criminali mi fa vergognare la mia impotenza. Ora capisco quanto sono vere le parole di quel Nazareno: “E’ più facile che un cammello passi per la cruna di un ago, che un ricco entri nel regno di Dio”. Questo l’ha detto Cristo nostro Signore e sono sicura che al punto in cui siamo arrivati, neppure Lui li perdonerebbe.

      Elimina
    5. Sonia Freddi17 novembre, 2017

      Avevi iniziato bene, ma poi è più forte di te l'odio che ti porti dentro, tanto da farti dire che neanche Dio li perdonerebbe. Condivido la tua analisi, ma poi cosa facciamo noi comuni mortali per deviare il corso della storia: sappiamo rinunciare ad autto e samrtphone? Sappiamo devolvere parte del nostro reddito ai più bisognosi? Sappiamo consumare e inquinare meno di ieri?

      Elimina
    6. Vedi, se ti ci metti riesci ad essere 'bella'! L'odio acceca le intelligenze. La violenza uccide la vita. Sorridi al mondo e il mondo te ne sarà riconoscente. Per il momento accontentati del mio ringraziamento.

      Elimina
    7. Certo Sonia che odio gli assassini dei miei contemporanei, dovrei amarli? Inoltre è logico che neppure Dio li vuole nel suo Paradiso altrimenti per chi avrebbe creato l'inferno?
      Certo non è semplice rinunciare alle comodità però ci si abitua a tutto, del resto i nostri lavoratori non li stanno riportando indietro privandoli di tutti i diritti acquisiti? Questo fa comodo alle caste mentre rinunciare agli sprechi (come sarebbe augurabile) li danneggia e si batteranno affinché non avvenga. I nostri antenati non avevano le cose che abbiamo noi, ma forse erano più felici di noi, chissà...

      Elimina
    8. Un modo di comunicare a mio avviso non accattivante, lo dicocon il massimo rispetto.

      Elimina
    9. moderare moderare moderare moderare i TONI

      Elimina

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)