Gli 'orchi' non sono poveri immigrati. Sono attori e registi, 'stelle' ricchissime e invidiate.

di Pier Giorgio Tomatis. Sembra che il vaso di Pandora delle malefatte dei maschietti che vivono (molto bene) di telecamere e cinema sia stato definitivamente scoperchiato. Non passa giorno che i media non ne approfittino per sbattere il cosiddetto mostro in prima pagina. C'è chi lo ammette e chi lo nega minacciando le vie legali. Nessun Paese è immune a questa pandemica confessione. Tutto d'un tratto attrici e attori si svegliano e rilasciano agli inquirenti e ai mezzi di informazione delle sconcertanti ammissioni sul proprio passato
e su chi ha abusato della loro ingenuità ed inesperienza. Di punto in bianco, il mondo si sveglia e dice "Je suis violée"... E gli orchi in questione non sono poveri immigrati che giungono da Paesi e culture lontane. No. Sono attori e registi. Sono stelle ricchissime e invidiate. A rivelare quanto accaduto sono giovani (e meno giovani) uomini e donne che si sono avvicinati e alcuni di loro sono anche entrati nel luccicante mondo del cinema e della televisione. Se la politica ci aveva già insegnato che questa "way of life" era abbondantemente in uso (Clinton docet) è una novità associare questo inedito sport al mondo delle star hollywoodiane o comunque del set (senza jet) mondiale. Accusati di molestie sono veri e propri "mostri" sacri del calibro di H. Weinstein, di S. Seagall, di D. Hoffman, di G. Tornatore, di K. Spacey, di B. Cosby e l'elenco si aggiorna ogni ora come il sito di Repubblica. Nonostante la ricchezza smodata, gli agi e i lussi che sono loro riservati questi divi (se risulteranno essere colpevoli delle accuse formulate) pare trovassero piacevole abusare della loro fama e posizione prima ancora che dei corpi dei/delle malcapitati/e. Come si fa a non ricordare quel vecchio proverbio in voga al tempo dei nostri bisnonni: "chi ha pane non ha denti e chi ha denti non ha pane". Sembra proprio che calzi a pennello per spiegare con parole molto semplici ciò che sta accadendo con questo nuovo scandalo mondiale.

Commenti

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DEL MESE

Cronaca di un ‘ceto medio’ che non c’è più.

Roma Capitale, #alberiperilfuturo. E per Via Savona!?

Il carabiniere cade, gli antifascisti lo pestano.

Mille euro per tutti!?

Lo zoo nell’urna, dal giaguaro smacchiato di Bersani al panda carnivoro di Grillo passando per altre 'bestiali' amenità.

La globalizzazione del lavoro al minimo sindacale.

San Remo. L'Italia, ingabbiata dalla crisi, non canta per amor, canta per rabbia!