In Italia, uscire dal mondo del lavoro è sempre più facile.

di Savino Giacomo Guarino. Uscire dal mondo del lavoro è sempre più facile, entrarvi e restarvi diventa sempre più difficile. In queste due righe si riassume l’attuale situazione italiana. Viene però da porsi una domanda: Questa situazione è nata oggi o è una situazione sempre esistita? I milioni e milioni di italiani emigrati all’estero per lavoro, sono un dato di fatto oggettivo, inequivocabile ed indiscutibile.
I giovani che ancora oggi lasciano l’Italia per cercare lavoro all’estero, sono un dato di fatto oggettivo, inequivocabile ed indiscutibile. In Italia la domanda di lavoro ha quasi sempre superato e di gran lunga l’offerta di lavoro: l’Italia non ha mai offerto eccessive opportunità, altrimenti questa emigrazione non troverebbe spiegazione. Qualcuno potrebbe obiettare, ma il cosiddetto boom degli anni ’60? Quel mini boom ha anche il rovescio della medaglia, milioni di cittadini sradicati dalla loro terra, inseriti di colpo in realtà molto differenti e non sempre benevoli. A Torino in quegli anni si leggeva spesso “Non si affitta a meridionali”. Chi arrivava Torino per lavoro, si beccava spesso del “napuli” o del “terrone”. Lo sviluppo del Nord è avvenuto a fronte di un mancato sviluppo del Sud. Le catene di montaggio anni ‘60 ed i cronometristi sono realtà storiche. Oggi i cronometristi non esistono più, anche se di questo passo non mi stupirei se venissero reintrodotti. In questo momento storico il disagio di chi non trova lavoro, ha raggiunto vette francamente inimmaginabili fino a qualche tempo fa. Come semplice cittadino ho una mia tesi. L’Italia ha puntato eccessivamente sull’industria a scapito di settori vitali quali Agricoltura e Turismo. L’agricoltura (e le varie attività collegate) in Italia non è mai stata incentivata adeguatamente. L’Italia non ha copiato dagli U.S.A. Se vediamo gli U.S.A. ci rendiamo subito conto dell’importanza che quel Paese ha sempre accordato all’agricoltura. L’agricoltura U.S.A. ha sempre contribuito in misura massiccia allo sviluppo del Paese. Gli U.S.A. pur essendo una potenza industriale non hanno mai dimenticato il ruolo e l’importanza di una moderna agricoltura. Anche il paesaggio ha un ruolo importante, si pensi ai numerosi parchi nazionali sparsi per il Paese. L’Italia non ha mai compreso pienamente questa lezione. Anche il turismo non è stato valorizzato al meglio. La cementificazione e lo scempio paesaggistico si toccano con mano in tutta la Penisola. Agricoltura e turismo sono state considerate molto meno dell’industria. Bisogna ripensare il modello. Industria e servizi in Italia non sono più in grado di creare consistenti opportunità di occupazione. Opportunità di occupazione che devono essere cercate nel turismo (vacanziero-d’arte-religioso-della terza età) e nell’agricoltura (ed attività collegate).

Commenti

Anonimo ha detto…
Vedere erosione dello Statuto dei Lavoratori
Pietro Micca ha detto…
Quando toglieranno la legge Fornero? Sarebbe ora!
Metello Aquila ha detto…
A parole in tanti,la vogliono togliere ma in pratica è li inamovibile
Anonimo ha detto…
Precariato, lavoro in nero, sfruttamento,..., c'èpoco da stare allegri. Non dimentichiamo il Mobbing u tanti posti di lavoro
Anonimo ha detto…
Quando, Quando, Quando: avremo anche in Itala una legge contro Mobbing \ Bossing? Sarebbe ora di farla!!!
Pietro Micca ha detto…
aspetta e spera, hanno altro a cui pensare!
assunta59 ha detto…
Ma tra non molto andremo tutti a votare e allora il coltello dalla parte del manico passerà ai cittadini-elettori.
Metello Aquila ha detto…
Come hai ragione ASSUNTA, io a tutti i miei amici e conoscenti dico: Andate a votare votate per chi vi pare ma andateci, non rinunciate al DIRITTO, quanti sono morti per averlo.
katia cannellla ha detto…
Tante donne non sono ancora entrate nel mondo del lavoro, purtroppo.
andrea7 ha detto…
Rinforzare lo Statuto dei Lavoratori, anzichè eroderlo lenatmente com'è accaduto
Antonino'70 ha detto…
Le donne sono una risorsa irrinunciabile, il caposaldo della famiglia, il fulcro della società, Senza di loro il mondo sarebbe vuoto, senza significato. Le donne hanno conquistati molti spazi, ma c'è ancora molto da lavorare per arrivare ad una vera parità dei sessi, soprattutto nel mondo del lavoro.

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DEL MESE

Cronaca di un ‘ceto medio’ che non c’è più.

Roma Capitale, #alberiperilfuturo. E per Via Savona!?

Il carabiniere cade, gli antifascisti lo pestano.

Mille euro per tutti!?

Lo zoo nell’urna, dal giaguaro smacchiato di Bersani al panda carnivoro di Grillo passando per altre 'bestiali' amenità.

La globalizzazione del lavoro al minimo sindacale.

San Remo. L'Italia, ingabbiata dalla crisi, non canta per amor, canta per rabbia!