La politica è morta, ma non sepolta.

La politica è morta, ma non sepolta. Il suo cadavere senza sepoltura e in decomposizione, emana ormai da troppo tempo un odore ripugnante. Tant’è che chi ancora va a votare lo fa nauseato e con il naso turato, mentre la stragrande maggioranza degli elettori, oltre il 50% degli aventi diritto, diserta le urne, avendo ben altro a cui pensare. Coloro che si recano ancora ai seggi lo fa o perché ha da eleggersi o da far eleggere amici e parenti, o per protesta. E allora scarabocchiano la scheda elettorale con giganteschi falli
(nessuno parla delle migliaia di schede nulle e bianche), oppure mettono la croce sul simbolo pentastellato, considerato l'ultima spiaggia della protesta, unendosi così al coro da stadio dei 5stelle nel mandare tutti a… quel paese! Quando questi sparuti elettori capiranno che i pentastellati sono pure loro ‘italiani’, fatti della stessa pasta dei mestieranti della politica, e che anche loro se e quando andranno al governo non sapranno far meglio della vecchia politica, se non addirittura peggio, non li voteranno più. E' solo una questione di tempo. Per adesso, nonostante il nulla di fatto a Roma e a Torino, li provano più per disperazione, che per convinzione: tanto non possono fare peggio dei loro predecessori. Ma il peggio non è mai morto! Insomma, chi ancora ‘spera’ nella politica, ma è schifato da questi politici, vota il Movimento di Beppe Grillo, non perché questo sia una soluzione ai problemi, bensì perché interpreta i malumori che la gente vuole rispedire al mittente di tasse, disoccupazione, stipendi da fame, pensioni miserabili, liste d’attesa di mesi e mesi per una Tac, processi che durano anni, scuole che cadono a pezzi, mezzi pubblici che non passano mai, ecc, ecc. Il voto siciliano è la cartina di tornasole di questa Italia serva, dell’Europa, dell’€uro e del malaffare, patria di dolore ostello, nave senza nocchiero in gran tempesta, non donna di provincie ma bordello!

11 commenti:

  1. Ogni Popolo ha il governo che si merita! Questo adagio è molto giusto!
    Se in Italia siamo a questo punto è perchè la maggioranza del Popolo non ha voglia di cambiare. GANDHI in India pacificamente ha sloggiato gli inglesi! In Italia, solitamente "vai avanti Tu che a me scappa da ridere". Sempre gli stessi, sempre gli stessi: La maggioranza vuoe persone famose. Basta vedere certe icone televisive. Lo dico con rispetto:L'Italia è irriformabile!!!!

    RispondiElimina
  2. E allora... se no andiamo più a votare, se non scendiamo più in piazza a protestare, se non siamo capaci di fare una rivoluzione, cosa possiamo fare per cambiare questo paese corrotto e marcio? Aspettare che venga Gandhi o Gesù Cristo?

    RispondiElimina
  3. Ma che oggi c'è l'invasione degli 'Anonimi' su freeskipper. Perchè non usate un nome, anche falso, come il mio, ma almeno sappiamo con chi interagire, a chi rispondere. Possibile che noi italiani siamo talmente 'vili' da non usare neppure un 'Nickname'!?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che differenza c'è fra nickname e Anonimo? Nessunaaaaaaaaaa

      Elimina
  4. Unpensionato09 novembre, 2017

    Caro Anonimo, non è vero che non c'è nessuna differenza, infatti se io voglio risponderti vedi come devo fare? Chiamarti 'Anonimo'. Ma se tutti si chiamassero 'Anonimo' come te diventerebbe un gran casino rispondervi, a meno che tu non voglia interloquire con tutti noi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. carissimo pensionato, il nicname è sostituzione di persona, ovvero un possibile REATO!!! Se io mi chiamo Paolo Rossi e mi celo sotto Tizio Minervino, è sostituzione di persona! Chiedilo a un legale.
      L'anonimo non commette reato se non offende ecc, il nicname è uno che si nasconde dietro una persona inesistente! Leggere leggere leggere prima di pontificare buona giornata pensionato!!!

      Elimina
  5. Ecco perchè resti 'Anonimo', le tue osservazioni sono del tutto... anonime... banali ...inesatte ...continua pure così... nessuno si accorgerà di te... 'A n o n i m o'!

    RispondiElimina
  6. La Politica non muore mai...perchè anche comperando il pane, si fa politica. Possono morire gli uomini che fanno pessima politica e noi pernostra disgrazia, ne abbiamo una nutrita collezione. Per quanto concerne Libertà & Progresso, il parere unanime degli affiliati è che la politica diventi una missione. Questo non significa che far politica debba essere una penitenza francescana, perchè la buona politica paga sempre e profumatamente quanti la attuano.
    F.sco Della Rovere - Libertà & Progresso della.rovere@live.it

    RispondiElimina
  7. Stimatissimo Della Rovere è normale che Lei in qualità di esponente politico dica quel che dice, ma più della metà degli italiano non vanno più a votare e la politica non risolve un bel nulla dalla buca sotto casa alle pensioni, alla disoccupazione. La politica è morta, amen. Serve qualcos'altro per risolvere i problemi della gente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'alternativa alla politica democratica è la dittatura: NO GRAZIE!
      Penso che l'unica cosa da fare sia dimezzare il n° dei parlamentari e dopo due mandati consecutivi a casa.

      Elimina
  8. Penso che per cambiare la politica bisognerebbe introdurre una legge: Dopo due mandati elettorali consecutivi, non ci si può più ricandidare.La norma esiste già per i Sindaci dei Comuni fino ai 1.000 abitanti.

    RispondiElimina

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)