La soluzione a traffico e smog arriva dal cielo, si chiama UberAir.

Strade intasate dal traffico, aria irrespirabile per i gas di scarico delle auto, servizio pubblico rallentato, ore ed ore sprecate al volante o ad aspettare quell'autobus che non passa mai, respirando CO2 e polveri sottili. Ma qual'è la soluzione al problema del millennio? L'auto volante, o meglio, il taxi volante che oggi non è più fantascienza. Si chiama UberAir, è stato presentato dalla nota azienda di auto ncc, ed è un velivolo grande quanto una berlina.
Insomma, la soluzione ce l'avevamo proprio sopra la testa, il cielo! L'UberAir è dotato di 6 eliche (quattro davanti e due dietro) simili a quelle degli elicotteri che consentono decollo e atterraggio verticali. Uber ha raggiunto un accordo con la Nasa per sviluppare il software per la gestione dei "taxi volanti". Le auto volanti potranno andare a 200 miglia all’ora; i prossimi test si terranno a Dallas/Fort Worth. La Nasa ha utilizzato la sua autorizzazione per volare a bassa quota ottenuta, anni fa, per sviluppare razzi. Il taxi volante è stato presentato sul palco del Web Summit di Lisbona da Jeff Holden, chief product officer dell’azienda californiana: "Sarà pronto per il 2020, allora cominceremo i primi voli sui cieli di Los Angeles". Il progetto UberAir è parte del progetto Elevate che prevede la produzione di migliaia di velivoli elettrici a decollo verticale da distribuire nelle principali città del mondo come servizio aggiuntivo di Uber. "In questo modo la nostra tecnologia consentirà ai residenti di volare sopra al traffico e restituirà loro tempo che potrà essere impiegato per attività più produttive". Nel video dimostrativo che Holden ha offerto in anteprima al pubblico del Web Summit si vede il velivolo partire con sei persone a bordo da un grattacielo di Los Angeles, direzione aeroporto. Il servizio sarà integrato nella app di Uber, e si aggiungerà alle opzioni che consentono di scegliere quale servizio utilizzare. Non sarà un problema da poco capire come verrà utilizzato e in quali spazi verranno fatti atterrare e decollare i velivoli. Intanto Uber ha annunciato di aver siglato un accordo con Sandstone Properties per lo sviluppo di un’infrastruttura di eliporti che serviranno come centri per il decollo e l’atterraggio dei voli UberAir. Ma questo, per il momento, riguarda solo la città di Los Angeles. La città, guardacaso, dove è ambientato Blade Runner.

3 commenti:

  1. Considerando l'attuale situazione torinese per quanto concerne le polveri sottili - qualsiasi novità in merito - sarà la benvenuta.
    F.sco Della Rovere - Libertà & Progresso della.rovere@live.it

    P.S. Nell'ultima decisione del Sindaco di Torino, sono rimasto chiuso in casa per 3 giorni e 3 notti. Mi sarei aspettato, vista la gravità che tutti gli altri mezzi pubblici a gasolio e a benzina, rimanessero fermi.

    RispondiElimina
  2. Non è con le targhe alterne che si risolvono i problemi ambientali, ma con lo SCIOPERO che ogni VENERDI' i mezzi pubblici mettono puntualmente in essere evitando così d'inquinare e di far incazzare milioni di abbonati che li aspettano inutilmente per ore alla fermata!

    RispondiElimina

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)