Le Cariatidi 2.0.

Le trovi sulla metropolitana ad ogni ora del giorno rigorosamente saldate ai regimano, una a destra e l’altra a sinistra, dell’apertura delle porte. Sono prese a chattare con lo smartphone, isolate dalle cuffiette dalle quali anche tu, volente o nolente, sei costretto ad ascoltare la loro musica martellante, oppure immerse nella lettura di libri, giornali, cruciverba o a mangiarsi le unghie. Non importa se il vagone è pieno o vuoto. Non importa se ci sono dei posti liberi a sedere. Loro stanno sempre lì, imperturbabili e indifferenti alla gente
e non mollano la presa, non schiodano mai. Pensi che si piazzano lì perché devono scendere alla prossima fermata... ma ne passa una, due, tre, quatto… tu scendi, facendoti spazio a gomitate, ma loro restano ancora lì, immobili, a presidio dell’avamposto. Sono le cariatidi 2.0 della Metro. Quelle che si stampano all’uscita/entrata di ogni vagone e non mollano più la presa, anche se devono farsi tutte le fermate fino al capolinea!

Commenti

viciè ha detto…
Non sai se sono imbecilli o incivili, molto probabile una sintesi perfetta delle due specie, ma sono senz'altro fastidiosi quando si piazzano davanti alle porte di metro e bus impedendo agli altri passeggeri di salire e scendere dai mezzi pubblici: sono delle odiosissime 'cariatidi'!

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DEL MESE

Cronaca di un ‘ceto medio’ che non c’è più.

Roma Capitale, #alberiperilfuturo. E per Via Savona!?

Il carabiniere cade, gli antifascisti lo pestano.

Mille euro per tutti!?

Lo zoo nell’urna, dal giaguaro smacchiato di Bersani al panda carnivoro di Grillo passando per altre 'bestiali' amenità.

La globalizzazione del lavoro al minimo sindacale.

San Remo. L'Italia, ingabbiata dalla crisi, non canta per amor, canta per rabbia!