Lettera aperta a Grillo e Casaleggio.

di Maria Pia Caporuscio. Caro Grillo, caro Casaleggio, sono un’appartenente al Movimento 5 Stelle da prima ancora che fosse messo in gestazione e per questo sento il dovere di dare un consiglio alle due persone che stimo di più. Quello che sta succedendo in Sicilia (da voi onestamente anticipato) dovrebbe far riflettere che per vincere la guerra necessita avere nelle mani le armi giuste (le leve del potere) che possiede chi governa. Caro Grillo, caro Casaleggio chi vota 5 Stelle
sa di votare gente onesta e incorruttibile ed è proprio per questo che vota 5 Stelle, ma vota anche per ottenere quella pacifica e agognata rivoluzione: governare! A che serve essere il primo partito se si resta fuori dai giochi ad opporsi in eterno a chi ha rovinato e continua a rovinare l’Italia? A che serve se nulla cambia, né mai cambierà essendo sempre loro a dettare le (contro)leggi? Ostinarsi a voler governare da soli senza alleanze è un sogno adolescenziale, ma gli anni passano ed è la realtà a prendere il posto dei sogni: non si governa da soli e a restare eternamente all'opposizione si fa il gioco di quelli che vogliamo cacciare, così li lasceremo per sempre al comando! Caro Grillo, caro Casaleggio e carissimi cittadini prestati alla politica, ve lo chiedo con tutto l’amore che vi porto, di fare di tutto e di più per governare, ne avete i numeri e il mondo non è diviso in bianchi e neri, ma esistono anche le sfumature e si deve tenerne conto. Qui non si tratta di sposarsi con quelli che riteniamo colpevoli del degrado istituzionale, ma di accordarsi con quelli che più o meno ci si avvicinano e vogliono le stesse cose (Bersani, Civati ecc,) per trovare un accordo e avere i numeri per governare finalmente e restituire all’Italia quel decoro che le è stato tolto. Solo con un accordo condiviso si può riuscire a cambiare questo losco sistema di affaristi. Chi ha votato il M5S ha riposto la speranza in un cambiamento, ma se capisce che invece si resta in eterno dietro le quinte, ad opporsi alle nefandezze di chi governa (non sempre riuscendovi) si stancherà e se questo dovesse accadere, non servirà più a niente dare la testa contro il muro. Capire di aver sbagliato a posteriori non consola, ne saremmo ossessionati per sempre e ogni volta che guarderemo in faccia i nostri figli umiliati, emarginati, senza diritti, senza lavoro, disillusi e privi persino della speranza di poter cambiare la loro miserabile vita, saremo assaliti dalla vergogna, per non aver fatto abbastanza per cacciare questi scrocconi dal nostro paese. Ci sentiremo dei codardi, vigliacchi irresponsabili per aver voluto tener fede ad un puntiglio e per questo aver contribuito a mantenere lo status quo. Se dare consigli onesti lo ritenete sbagliato, bannatemi pure.

Commenti

5s ha detto…
Ma possibile che ancora non l'avete capito che i 5stelle non si alleano con nessuno, perchè allearsi significa ammettere di essere come 'loro'? O da soli si vince e si va al governo, oppure si resta a fare opposizione: meglio soli che male acCOMPAGNatI
Anonimo ha detto…
PENSO CHE MS5 DI OGGI E LO SPECCHIO DEL PD SI STA VENDENDO COME IL PD L'ITALIA CON EMIGRAZIONE ECC ONESTAMENTE CHI SOSTIENE IL PD LO POSSO CAPIRE E COMODITA'
ECONOMICA NON BISOGNA ESSERE TIFOSI MA SPORTIVI COSA CHE NON SONO I GRILLINI
Fra69 ha detto…
Caro Anonimo scrivi a caratteri cubitali, ma non si capisce un tubo di quello che vorresti dire, ma non sai dire che c'azzecca lo specchio, la comodità, i tifosi.... forse devi ancora riprenderti dalla batosta dell'italia di ieri sera perchè sei 'incomprensibile', credimi.
Ele ha detto…
Concordo con Fra69, scrivere in quel modo è da megalomani, ma non solo... anche da maleducati e prepotenti, perchè abusando del maiuscolo si vuole prevaricare la voce degli altri utenti, mancando di rispetto a tutti quanti noi, per non parlare dell'anonimato...
Anonimo ha detto…
Servono poche regole, regole chiare. Il problema del M5S è a mio modestissimo avviso, la mancanza di uno Statuto iniziale.
mariapiacaporuscio ha detto…
Per me questa è presunzione significa che conta di più il proprio "io" che il benessere di cinquanta milioni di cittadini. Non si vincerà mai da soli e quindi non si governerà mai! Se conta di più mantenere il punto che lottare per migliorare la qualità di vita dei cittadini fate pure, restiamo in eterno dietro le quinte e se quelli che hanno votato il M5S per un cambiamento si stufano e lo abbandonano non lamentiamoci, riconoscere a posteriore di aver sbagliato non serve a niente! Qui non si tratta di diventare come loro o di sposarsi con loro, ma di riuscire a governare per restituire la dignità alla classe lavoratrice italiana.
danilo rm ha detto…
Più che una 'lettera aperta' quella di Caporuscio mi sembra una 'lettera morta', dacchè dall'orecchio delle alleanze e degli inciuci i 5 stelle non ci sentono proprio e secondo me fanno non bene, ma benissimo.
mariapiacaporuscio ha detto…
Certo stare all'opposizione è più facile che governare, ma questo lo ritengo un po' vile. Nella vita si deve rischiare per ottenere le cose e se anche si rischia l'impopolarità per salvare l'Italia, cosa ci sarebbe di sbagliato? Se anche i partigiani avessero ragionato allo stesso modo invece di andare nelle foreste, armati di fucili contro carri armati, rischiando anche la vita, avremmo ancora i tedeschi a dettare legge!
saro ct ha detto…
Ma i partigiani mica si sono alleati con i loro carnefici per liberarsi dei tedeschi! E da quello che lei sostiene M5S dovrebbe allearsi con Bersani, D'Alema, Pisapia e compagnia cantando, ovvero con coloro che hanno affossato l'Italia: Meglio soli, mi creda.
mariapiacaporuscio ha detto…
Ma che significa allearsi? Non ci si deve mica sposare! Si tratta solo di trovare un modo per andare al governo. Se Bersani e Civati hanno abbandonato il PD è perché come noi non ne condividevano le scelte, altrimenti non avrebbero lasciato il partito. Ostinarsi o illudersi di poter fare tutto da soli è pressoché impensabile e scartare tutti solo perché provenienti da altre ideologie, è una presunzione. Per esempio se un ergastolano si trovasse un giorno a rischiare la vita per salvare quella di un compagno, non possiamo non riconoscere la buona azione solo perché a compierla è un ergastolano. Se per davvero ci fanno soffrire gli abusi contro il popolo italiano, si deve lasciare da parte l'orgoglio e fare di tutto per restituirgli la serenità
Pietro Micca ha detto…
Senza allearsi non si va da nessuna parte
M5S ha detto…
Da qualche settimana siamo perseguitati da due stalker: MDP (che sta per Mantenimento Della Poltrona) e Lega Nord. Sono le frange, anzi, le frangette del Sistema. Dopo il voto in Sicilia, che ha messo in discussione la sicurezza delle ammucchiate con il Rosatellum, il loro stalking si è fatto martellante. Noi con questa gente non vogliamo averci nulla a che fare. Dopo aver fatto governi con tutti, dopo aver approvato le leggi peggiori (Fornero, Equitalia), dopo aver distrutto migliaia di risparmiatori con le gestioni fallimentari di banche come MPS o Veneto Banca, oggi vogliono recuperare la verginità di fronte ai cittadini.
Salvini che prima diceva mai più con Berlusconi: "Basta! Basta per sempre, se Berlusconi corre lo farà senza di noi", salvo poi buttarsi tra le sue braccia nella speranza di qualche poltrona fregandosene della sua gente. Bersani che ora va in giro a fare l'amico dei lavoratori, ma che il jobs act che ha distrutto i diritti lui l'ha votato "per disciplina". E l'etica che gli diceva?
Presto questa gente si ripresenterà alle urne per chiedervi il voto, in mezzo ad altre sigle, ammucchiati in coalizioni senza identità, ma uniti da un solo grande scopo: mantenersi poltrona, stipendio e vitalizio. E' gente che vi tratta e vi ha sempre trattati come elettori, come numeri da portare in dote a questo o a quello. Per noi questa logica è inconcepibile. Il voto è del cittadino, non del partito.
Noi alle prossime politiche ci presenteremo con il nostro simbolo con il nostro programma e le nostre facce. Coalizioni e ammucchiate non possono nulla davanti al voto libero. Il potere è nelle vostre mani. Usatelo.
mariapiacaporuscio ha detto…
Conosco benissimo tutte le vergognose schifezze e gli abusi che da oltre trent'anni questa indegna classe politica porta avanti ed è per questo che la gente onesta vota 5 Stelle per mandare voi a salvare il nostro povero paese e voi dovete fare di tutto per andarci altrimenti le cose non cambieranno mai e l'Italia sarà destinata a morire. Pur di andare al governo io sarei disposta a mettere la fiducia sulle leggi proprio come fanno loro, così facendo firmerebbero tutte le leggi decise dal M5S, non ci si deve sposare ma solo costringerli a fare il bene degli italiani, se restano loro al governo il bene degli italiani non lo faranno MAI!
ioVoto5S ha detto…
Se M5S deve andare al governo del paese lo decideranno gli italiani quando andranno a votare: tutto sta a superare la soglia del 40%! 5stelle alle prossime politiche si presenta con il suo simbolo con il suo programma e i suoi esponenti. Coalizioni e ammucchiate non possono nulla davanti al voto libero. Il potere è nelle nostre mani. Usiamolo, usiamolo bene votando bene!
mariapiacaporuscio ha detto…
Tenete presente che loro pur di non lasciare a voi le poltrone si metteranno tutti insieme alleandosi pure col diavolo pur di restarci. Siete soli contro tutti non lo dimenticate e gli italiani non sono tutti bene informati visto che giornali e tv sono in mano loro e quindi bombardati e plagiati! Se mi batto per mandarvi al governo è perché amo troppo il mio paese e i miei connazionali e vederli abusati mi fa star male, ho imparato la lezione proveniente dalla saggezza popolare: "a mali estremi, estremi rimedi" Io farei carte false pur di ottenere lo scopo, non stare immobile ad aspettare la manna.
ioVoto5S ha detto…
Ma per andare al governo non ci si può vendere l'anima al diavolo, non si può fare un tutt'uno 'diavolo-acqua santa', non si può aprire il pollaio alle volpi! Bisogna, invece, rimboccarsi le maniche e lavorare, lavorare sodo!
mariapiacaporuscio ha detto…
Ma chi dice di vendere l'anima al diavolo? Io dico solo che il fine giustifica i mezzi, io dico che per salvare l'Italia si deve usare ogni mezzo, lor signori lo fanno per il tornaconto personale noi per il bene comune, credo che la differenza sia abissale per cui trovo sbagliato aspettare la manna!
Anonimo ha detto…
il M5S ha dei seri problemi in 3 città:Torino Livorno Roma.
Come possono sperare di governare il Paese? una giornata buona Maria
Hello ha detto…
E allora se il fine gustifica i mezzi, alleiamoci con il Berluska e andiamo a governare, come direbbe il mitico Rovazzi!?
mariapiacaporuscio ha detto…
Berlusconi si inciucerà con Renzi, Salvini e la Meloni e se non bastano i voti anche col diavolo, per questo vi dico di impedirlo accettando i voti dei fuoriusciti dal PD
noMdp ha detto…
Cara Maria, ancora co sta storia di allearsi con Bersani, d'Alema e compagni!? Ma come te lo devono dire che i 5stelle corrono da soli, senza stampelle che una volta al governo li terebbero sotto scacco con i loro ricatti... ma non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire, oppure sei una stretta parente degli articolo1!?
mariapiacaporuscio ha detto…
Caro Anonimo secondo lei problemi seri li hanno solo Torino, Livorno e Roma? e tutte le altre città sono il paradiso terrestre? Dopo quanto fatto all'Italia da Pd e Berlusconi di sicuro nessuno potrà mai fare peggio!
Miracle ha detto…
Roma, Torino, Livorno... i risultati del governo pentasetllato si potranno giudicare soltanto dopo i 5 anni di legislatura: nessuno ha la bacchetta magica, ma il fatto che in queste grandi città nessuno dei politici al comando rubi è già di per se una grande magia!
mariapiacaporuscio ha detto…
E forse proprio questo vengono diffamati ogni giorno, i ladri non possono simpatizzare per le guardie.

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DEL MESE

Cronaca di un ‘ceto medio’ che non c’è più.

Roma Capitale, #alberiperilfuturo. E per Via Savona!?

Il carabiniere cade, gli antifascisti lo pestano.

Mille euro per tutti!?

Lo zoo nell’urna, dal giaguaro smacchiato di Bersani al panda carnivoro di Grillo passando per altre 'bestiali' amenità.

La globalizzazione del lavoro al minimo sindacale.

San Remo. L'Italia, ingabbiata dalla crisi, non canta per amor, canta per rabbia!