Mariah Carey, quando a 'molestare' è lei.

di Salvatore Santoru. Un nuovo scandalo legato alle molestie potrebbe far tremare il mondo dei VIP. Questa volta si parla della nota popstar Mariah Carey, la quale è stata accusata di aver tentato di abusare sessualmente del suo ex bodyguard Michael Anello. Come rivelato dal sito web di Gossip "Tmz.com" e riportato su un articolo dell'edizione italiana dell'Huffington Post, l'ex guardia del corpo ha lavorato per la cantante dal giugno del 2015 al maggio del 2017 e in questo periodo sarebbe stato spesso vittima di molestie e di insulti di stampo razzista. Inoltre, Anello ha dichiarato di avere in sospeso dalla cantante
un pagamento di 200mila dollari, soldi che la stessa ex guardia del corpo non avrebbe mai ricevuto. Oltre alle tentate molestie, la Carey avrebbe più volte sottoposto l'ex guardia del corpo ad atti di bullismo di stampo razzista. Difatti, Anello sarebbe stato più volte etichettato come un "nazista", un "suprematista bianco" o addirittura un membro del Ku Klux Klan solamente per il fatto di essere un uomo bianco. Inoltre, lo stesso Michael Anello ha sostenuto che Mariah Carey provava un forte odio verso gli stessi uomini banchi e voleva circondarsi solamente di uomini neri. Stando alle accuse, l'ex bodyguard ha dovuto sopportare ben due anni di insulti e di accuse di stampo razzista. Nella sua denuncia, Anello ha descritto le molestie e i tentati abusi a cui sarebbe stato sottoposto da parte della popstar. Secondo quanto riportato dallo stesso articolo dell'Huffington Post, la Carey avrebbe cercato di avere rapporti sessuali senza il consenso dell'ex bodyguard. Più specificatamente, Anello ha raccontato che durante un tour della popstar a Cabo San Lucas gli sarebbe chiesto di portargli delle valigie nella sua camera d'albergo e nella stessa camera l'ex guardia del corpo si sarebbe trovato la Carey seminuda e desiderosa di avere un rapporto sessuale, insistendo senza successo dopo il suo rifiuto. La scoperta di questo nuovo scandalo farà sicuramente discutere nei prossimi giorni e si aggiunge alle tante altre che hanno visto recentemente nel mirino importanti personaggi del mondo dello spettacolo e dell'intrattenimento statunitense e internazionale, come i noti produttori cinematografici Harvey Weinstein e Kevin Spacey.

3 commenti:

  1. Sono e sarò sempre un garantista: Fintanto che non c'è una sentenza definitiva di condanna, vige sempre e per tuttila presunzione di Innocenza

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi permetto di commentare con una domanda che non mi è chiara: Mariah Carey avrebbe molestato sessualmente tale bodyguard, ma le accuse non sono anche di presunto razzismo ??? I conti non tornano... Si contraddicono le accuse !!! Inoltre la Carey non può essere razzista visto che la madre è bianca e anche il suo compagno...non pensate sia un intrigo della cara si poco intelligente Stella, ex manager della pop star , caso strano dopo essere stata licenziata ?! Vi ricordo anche che la security non si sarebbe accorta dei ladri nella casa di Carey !!! Ma i soldi per un lavoro mal fatto lo pretendono. Altra domanda chi ha gestito i soldi di Carry per pagare anche l'accusatore bodyguard? Non forse la Stessa ex manager ???? Informazione please, non parole al vento !!! A questo tutti sono capaci. Grazie

      Elimina
    2. Il mondo dello spettacolo, quello del jet set, è troppo lontano dal nostro, difficile capirlo! Quel che invece non 'posso' capire è la commessa del negozio che si deve tenere il pizzicotto del padrone, il segretario di uno studio notarile che deve subire ogni giorno umiliazioni e vessazioni per non perdere... quel posto di lavoro!

      Elimina

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)