Migranti, almeno 5 morti nel Mediterraneo centrale.

di Salvatore Santoru. Un nuovo naufragio di migranti ha interessato il Mediterraneo centrale. Stando a quanto riportato dall'Ansa, cinque migranti (tra cui anche un bambino) sono morti a seguito del danneggiamento del gommone fatiscente con cui hanno tentato l'attraversata per l'Europa. Sempre stando a quanto riportato dalla notizia dell'Ansa, la Ong tedesca Sea Watch ha accusato la Guardia Costiera Libica per la tragedia,
sostenendo che un suo intervento ha ritardato i salvataggi della Ong e che le sue manovre hanno contribuito al danneggiamento dello stesso gommone dei migranti. Inoltre, la stessa Ong Sea Watch ha accusato la Guardia Costiera Libica di maltrattamenti verso i migranti. Più specificatamente, l'organizzazione non governativa tedesca ha sostenuto che la Guardia Costiera libica avrebbe trasportato sulla propria imbarcazione alcuni migranti che in seguito sarebbero stati picchiati e minacciati dagli stessi militari libici. Dal canto suo, la Marina libica ha duramente replicato sostenendo che la stessa Ong sarebbe stata responsabile del naufragio, in quanto sarebbe arrivata a salvataggio già iniziato e avrebbe creato confusione tra gli stessi migranti. Questa tragedia in mare è solo l'ultima delle tante che hanno interessato il Mediterraneo da qualche anno a questa parte. Tali tragedie rappresentano alla perfezione il fallimento dell'attuale gestione dell'attuale #immigrazione di massa che presenta diversi aspetti assai 'oscuri'. Difatti, l'attuale emergenza immigrazione è diventata un vero e proprio 'business illecito' da parte di mafie e altre organizzazioni criminali e tali naufragi in mare sono visti semplicemente come meri 'effetti collaterali' dell'attuale crisi migratoria. C'è da dire che ci sarebbe la necessità di operare per un radicale e incisivo cambiamento della situazione a livello europeo e internazionale e fare in modo che si dimezzino le stesse partenze dei migranti dall'Africa verso l'Europa e al contempo si cerchi di stabilizzare le diverse caotiche situazioni che imperversano nel continente nero e nei paesi del Nord Africa, intervenendo su una delle principali cause che stanno dietro l'attuale immigrazione di massa verso i paesi europei e il suo continuo sfruttamento.

Commenti

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DEL MESE

Cronaca di un ‘ceto medio’ che non c’è più.

Mille euro per tutti!?

Roma Capitale, #alberiperilfuturo. E per Via Savona!?

Il carabiniere cade, gli antifascisti lo pestano.

Lo zoo nell’urna, dal giaguaro smacchiato di Bersani al panda carnivoro di Grillo passando per altre 'bestiali' amenità.

La globalizzazione del lavoro al minimo sindacale.

San Remo. L'Italia, ingabbiata dalla crisi, non canta per amor, canta per rabbia!