Due blog di uno stesso leader, o due blog liberi e indipendenti, uno per un comico e un altro per un partito politico?

Stamattina chi si è affacciato su Internet e ha provato ad aprire il blog di Beppe Grillo si è trovato sullo schermo del computer una insolita videata, completamente diversa dallo storico sito dove campeggiava il logo del MoVimento 5 Stelle. Beppe Grillo, infatti, ha da oggi il suo 'personalissimo' spazio web che corrisponde sempre all'indirizzo www.beppegrillo.it,
dove si legge: "Blog ufficiale di Beppe Grillo con articoli, approfondimenti ed opinioni sui fatti di attualità". Il Movimento politico dei pentastellati ha, invece, il suo, di sito: www.ilblogdellestelle.it, che al momento mantiene lo stesso layout del vecchio blog di Grillo. Insomma, si tratta di due blog di uno stesso leader, o di due siti web liberi e indipendenti, uno per un comico, un uomo di spettacolo col vizio della politica, e un altro per un partito politico che si appresta a governare il Paese senza il vizio di essere e di fare 'casta'?   

Commenti

Beppe Grillo ha detto…
Inizia adesso un’avventura straordinaria di liberazione, di mente, di fantasia, di utopie, di sogni, di visioni. Io andrò in cerca di folli, di artisti, mi piace avere dei punti di vista, ma di idee, perché io sono stufo delle opinioni, sono stufo delle opinioni. Sì d’accordo ognuno ha diritto alla propria opinione, ma ha diritto ai fatti. Io voglio sognare voglio avere qualcosa che mi spinga sempre in avanti. E con voi voglio farlo tornando al blog come era, nel senso che facciamo interviste, Mohamed Yonus, Stiglitz, Fo, c’erano premi nobel che ci scrivevano e adesso abbiamo un sacco di interviste, se vedete qui in basso ci sono le interviste di persone che lavorano nei robot, di qua ci sono persone nel hyper-loop, nell’alta velocità, smart city. Abbiamo sistemi di comunicazione meravigliosi che stanno arrivando, come il Li-Fi. Quindi bisogna capire che bisogna essere sempre curiosi, il mio mantra è questo qui, la vita è essere curiosi.

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DEL MESE

Cronaca di un ‘ceto medio’ che non c’è più.

Roma Capitale, #alberiperilfuturo. E per Via Savona!?

Il carabiniere cade, gli antifascisti lo pestano.

Lo zoo nell’urna, dal giaguaro smacchiato di Bersani al panda carnivoro di Grillo passando per altre 'bestiali' amenità.

Basta #stipendidoro, per sanare il debito pubblico ed efficientare la P.A.

La globalizzazione del lavoro al minimo sindacale.

San Remo. L'Italia, ingabbiata dalla crisi, non canta per amor, canta per rabbia!