Otto impiegati su dieci soffrono di 'dolori d'ufficio'. Lavoro usurante anche per i travet?

Chi stabilisce quali sono i lavori cosiddetti 'usuranti', ovvero quelle attività lavorative che consentono il pensionamento anticipato, sa cosa vuol dire stare seduti davanti ad un computer per più di dieci ore al giorno?
Otto persone su 10 hanno sofferto, negli ultimi tre anni, di disturbi legati al modo in cui si lavora in ufficio, stando seduti dietro una scrivania e davanti ad un personal computer. Tra i dolori che maggiormente si percepiscono in ufficio ci sono il mal di schiena, sciatalgie, cervicali ed emicranie. E' quanto emerge da una ricerca Loudhouse presentata al Ministero della Salute nell'ambito del convegno "Salute in ufficio". In totale, secondo lo studio, il 61% degli intervistati ha accusato mal di schiena, il 55% mal di testa, il 49% la tensione o il dolore alle spalle, il 49% problemi agli occhi, il 47% dolore al collo, il 31% dolore al polso o al braccio. Tra le abitudini più frequenti, invece, il 97% ha quella di stare seduto e di non muoversi, il 90% tiene una posizione ingobbita, l'85% incrocia le gambe. E' stato stimato come i costi per assenteismo collegati a disturbi posturali in Italia siano di 3,36 miliardi di euro ogni anno. Eppure, secondo la Legge Fornero, questi lavoratori saranno costretti a restare al 'chiodo' fino a 70 anni!

Commenti

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DEL MESE

Cronaca di un ‘ceto medio’ che non c’è più.

Roma Capitale, #alberiperilfuturo. E per Via Savona!?

Il carabiniere cade, gli antifascisti lo pestano.

Lo zoo nell’urna, dal giaguaro smacchiato di Bersani al panda carnivoro di Grillo passando per altre 'bestiali' amenità.

Basta #stipendidoro, per sanare il debito pubblico ed efficientare la P.A.

La globalizzazione del lavoro al minimo sindacale.

San Remo. L'Italia, ingabbiata dalla crisi, non canta per amor, canta per rabbia!