Di Battista: “M5S al governo? Non lo so. Gli italiani li vedo molto rincoglioniti".

I 5 Stelle andranno al governo? "Io non lo so, perché gli italiani li vedo molto rincoglioniti. È un popolo strano.". Parole di Alessandro Di Battista, il deputato 5stelle che ha deciso di non ricandidarsi. Parole che già stanno facendo il giro del web. Parole pronunciate al suo arrivo in camper, giubbetto e jeans blu, davanti ai cancelli dello stabilimento Embraco, la fabbrica che ha annunciato 500 licenziamenti. Ad aspettarlo sono in tanti: qui, a Riva di Chieri, la politica è l'ultima speranza di chi, ormai, sta per perdere tutto e non ha altro da fare che affidarsi alla politica. Di Battista non fa promesse, la sua è una visita privata, lontano dalle telecamere. "Essere qui è un dovere" spiega appena sceso dal camper. Di fronte ai lavoratori, l'esponente del Movimento 5 Stelle attacca le multinazionali che delocalizzano nonostante i fondi ricevuti, un governo che, dice, non è stato capace di affrontare le crisi industriali. E pure i sindacati, "i grandi hanno le stesse responsabilità della politica". Poi, la stoccata alla Fiat: "Un'altra che si è presa centinaia di miliardi di quattrini e produce in Sudamerica, e questo non ci sta bene". Per il futuro dell'Embraco - domani i lavoratori saranno ricevuti dal Papa - garantisce l'impegno del Movimento. E a chi gli chiede se i 5 Stelle ce la faranno a salvargli il posto di lavoro, risponde: "Io non lo so. Ma noi avremo le mani molto più libere. Cinque anni di opposizione, vi assicuro, l'abbiamo fatta veramente con forza". Certo, dice, c'è la consapevolezza che "questo è un Paese in macerie, non soltanto dal punto di vista economico". E le chance di guidare il Paese? "Io non lo so, perché gli italiani li vedo molto rincoglioniti"GUARDA IL VIDEO

Commenti

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DEL MESE

Cronaca di un ‘ceto medio’ che non c’è più.

Mille euro per tutti!?

Roma Capitale, #alberiperilfuturo. E per Via Savona!?

Il carabiniere cade, gli antifascisti lo pestano.

Lo zoo nell’urna, dal giaguaro smacchiato di Bersani al panda carnivoro di Grillo passando per altre 'bestiali' amenità.

La globalizzazione del lavoro al minimo sindacale.

San Remo. L'Italia, ingabbiata dalla crisi, non canta per amor, canta per rabbia!