Scuola: firmato il contratto, aumenti da 80 a 110 euro... lordi!

Dopo quello degli Statali, dopo 10 anni di blocco e, guarda un po' il 'caso', proprio a ridosso delle elezioni, è stato firmato all'Aran anche il contratto nazionale di lavoro del nuovo comparto Istruzione e Ricerca che interessa 1 milione e duecentomila tra docenti, personale ata, ricercatori, tecnologi, tecnici, amministrativi. Gli aumenti salariali sono in linea con quanto già stanziato per tutto il pubblico impiego: da un minimo di 80 euro lordi ad un massimo di 110 euro lordi, mantenendo per le fasce retributive più basse il bonus fiscale di 80 euro. Ma i soldi messi in busta paga ai prof, come per tutto il comparto della P.A., sono pochi, troppo pochi per coprire il saldo di dieci anni di vacanza contrattuale durante i quali tasse e costo della vita in generale sono arrivati a livelli che non possono essere compensati dalla questua contrattuale! Eppure per far contenti tutti gli Statali, senza mettere le mani nelle tasche degli italiani, la soluzione sarebbe proprio lì, a portata di decreto: redistribuire le risorse economiche tra i pubblici dipendenti, togliendo a chi guadagna esageratamente troppo (Quirinale, Camera, Senato, Segreterie particolari, ecc, ecc,), e dando a chi guadagna troppo poco!

Commenti

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DEL MESE

Cronaca di un ‘ceto medio’ che non c’è più.

Roma Capitale, #alberiperilfuturo. E per Via Savona!?

Il carabiniere cade, gli antifascisti lo pestano.

Lo zoo nell’urna, dal giaguaro smacchiato di Bersani al panda carnivoro di Grillo passando per altre 'bestiali' amenità.

Basta #stipendidoro, per sanare il debito pubblico ed efficientare la P.A.

La globalizzazione del lavoro al minimo sindacale.

San Remo. L'Italia, ingabbiata dalla crisi, non canta per amor, canta per rabbia!