Quella di raccogliere il miele non dalle arnie di un apicoltore, ma dagli alveari delle api selvatiche, è un’arte antica, che richiede intuito nel trovare le api, pazienza nel seguirle fino alla loro colonia, e abilità nel raccogliere il dolce frutto delle loro fatiche. Ma il premio – miele dorato stillante e dolcissimo, libero da qualsiasi contaminazione, sano e delizioso – sicuramente vale la fatica richiesta per raccoglierlo: ecco quindi qualche consiglio per diventare raccoglitori di miele!

Dove cercare le api

Se pensate che per trovare api selvatiche serva avventurarsi in mezzo ai boschi, o nella campagna più profonda, ed è stato sempre questo a scoraggiarvi, abbiamo un’ottima notizia: le cose non stanno assolutamente così! Spesso potete trovare api perfino nel centro di un parco cittadino, o in un quartiere residenziale vicino a casa vostra. Cercatele soprattutto all’inizio della primavera, quando ce n’è un gran numero in cerca di polline per l’alveare, e non vi sarà difficile identificare una buona zona di caccia.

Come attirare le api

Per ottenere il miele che cercate, sarà necessario prima attirare le api con una qualche forma di esca per loro appetibile. Piazzatevi innanzitutto in un’area che già frequentano – e quindi una zona ricca di fiori da cui raccolgono il polline – e poi date loro qualcosa di ancora più desiderabile: una bella ciotola piena di nettare dolce (una mistura di zucchero e acqua al 50% dovrebbe essere assolutamente ideale). Le api inizieranno a preferire questa ai fiori – dato il più elevato contenuto zuccherino – e questo vi permetterà di seguirle, in massa, al loro alveare… dove si nasconde l’agognato premio. Un’adeguata protezione, e la cautela necessaria a non distruggere l’alveare – che troverete spesso nel cavo di un albero – vi permetteranno di tornare a casa con una bella scorta di miele purissimo.

Ma non è tutto

Perchè limitarvi a raccogliere il miele selvatico… quando avete tutto in opera per poter catturare e allevare le api nel vostro cortile? Anche una grossa scatola può essere una trappola ideale per catturare le api mentre sono attirate dal vostro nettare; e quando ne avrete un numero sufficiente, trapiantarle nel vostro giardino e lasciare che costruiscano il nuovo alveare sarà soltanto questione di pazienza!