martedì 8 aprile 2014

Renzi, l'antivirus che bonificherà il 'Sistema-Italia' dai 5stelle?

Per poter esprimere un parere sul governo Renzi è ancora troppo presto. L’unica cosa che possiamo dire in merito al curriculum politico del Presidente del consiglio ed ex Sindaco di Firenze è che la città nella quale ha indossato per anni la fascia tricolore non ha certo rappresentato, sotto il suo governo, quell’angolo di paradiso dove gli italiani sono andati a rifugiarsi in massa, mentre tutto intorno crollava!!! Ergo, se tanto mi da tanto…

Comunque, il premier, di carne al fuoco ne ha messa davvero tanta. Ma per il momento ci dobbiamo accontentare solo di molto fumo. Per l’arrosto - se, come e quando arriverà - bisognerà aspettare ancora parecchi mesi. Tra disegni di legge, dpcm vari, decreti attuativi, lungaggini legislative, cavilli burocratici, chiacchiere da talk show e spot elettorali, forse ci vorranno degli anni prima di riuscire a vedere attuate certe promesse.

Gli italiani sono degli inguaribili sognatori e sperano che Renzi sia l'uomo della provvidenza capace di traghettarli al di là della crisi, fuori dal tunnel. Ma il premier è stato messo lì dal “sistema” per rottamarlo e far rinascere dalle macerie della malapolitica la nuova Italia o per trasformarlo, rigenerarlo e garantirgli ancora lunga vita? Certo chi l’ha messo lì, e non sono stati certo gli italiani, non lo ha fatto con spirito masochista e per auto-eliminarsi, ma esclusivamente per garantirsi la propria sopravvivenza e salvaguardare i propri interessi!

Per il momento l’impressione è quella che Renzi abbia una sola missione: arginare l’antipolitica e ridimensionare il MoVimento5Stelle. Insomma una sorta di “antivirus”, chiamato ad eliminare il virus a 5stelle che rischia di bloccare il sistema operativo, ma lasciando intatto “il sistema”!

La riforma del Senato è aria fritta. Come pure l’abolizione delle Province, la staffetta generazionale nella Pubblica Amministrazione e la vendita su ebay di un pugno di auto blu. L’unica certezza è che a maggio, statene pur certi, arriveranno di riffa o di raffa i ticket elettorali: i famosi ottanta euro del cuneo fiscale! Ma arriveranno solo perchè già ricapitalizzati nelle casse dello Stato con le addizionali regionali e comunali di quelle stesse buste paga dove andranno a finire, solo perché già lautamente ripagati dagli italiani con l’aumento dell’Iva, della Tasi, dell’Imu, del bollo auto e della Rca, delle tasse su luce, acqua, gas, trasporti e benzina!

Insomma, anche se Renzi rappresenta l’ultima speranza per il “sistema”, la realtà è che la genteperbene di questo Paese sta ancora nel bel mezzo della crisi con stipendi e pensioni ai limiti della sopravvivenza (un operaio del nord-europa guadagna 2.500 euro al mese e nel 2012 il 42,6% dei pensionati italiani ha percepito un reddito da pensione inferiore a 1.000 euro al mese), con oltre 3,3 milioni di disoccupati (si perdono 1.000 posti di lavoro al giorno) e migliaia di aziende che chiudono (in Italia spariscono nel nulla due imprese ogni ora)! Tutto il resto sono solo chiacchiere!!!

31 commenti:

m5s ha detto...

Hanno destato scandalo le europarlamentarie del M5S. Oltre 33.000 persone che decidono liberamente e insieme tutti i candidati delle liste per le elezioni europee hanno fatto storcere il naso a giornalisti paladini del partito unico e a un manipolo di schiaccia bottoni messi in parlamento da segretari di partito e lobbisti. Nessuno parla invece delle primarie del pd per le europee. Le regole sono semplici. Il votante è uno solo: il caro (nel senso che è costato due euro a ogni elettore pd) leader Renzie. I potenziali candidati devono essere foglie di fico (si parla di Tardelli, l'ex calciatore), ex ministri finiti nel dimenticatoio (come la Kyenge o De Castro), pasdaran di partito (Bresso, Cofferati, Emiliano, Cozzolino). L'ebetino sa che le primarie sarebbero state un flop, nessuno avrebbe partecipato alle ennesime buffonarie, nessuno avrebbe pagato altri due euro per sostenere ancora Berlusconi. Ha quindi optato per il votante unico: lui stesso, ma si è smascherato da solo. Gli elettori del pd contano zero. Renzie è nudo. Ripeto. Renzie è nudo.
Vinciamonoi!

Maura Rita ha detto...

Come tutti i politici che si rispettano, ed io lo rispetto infinitamente, anche Renzi è il solito venditore di bufale, soprattutto a ridosso delle elezioni quando promettere è dovere, mantenere un le promesse fatte una volta incassati i voti un optional!!!

vasilios ha detto...

Siamo stanchi delle solite chiacchiere dei politici: sono tutti uguali pensano solo alla poltrona.

aldino ha detto...

Matteo sei il meglio nel campo della politica. Ti prego, dai una occhiata anche agli stipendi dei 500 !!! (uno ogni 19 dipendenti) DIRIGENTI dalla RAI, che percepiscono 600.000,00 euro l 'anno !!! cosa faranno mai per uno stipendio da 50.000,00 € al mese !! come Tu sai nel mondo, ma in special modo in Italia , ci sono delle persone che non sanno far altro che criticare, anche MOLTO ignorantemente, questo perchè non sanno con chi prendersela del loro stato.... Ti curar di loro.....

mirella g. ha detto...

il buongiorno si vette dal mattino e con Renzi al comando è notte fondaaa

denni's ha detto...

Io mi fido di Renzi così come mi sono fidato di Andreotti, Forlani, De Mita, Craxi e Berlusconi.

antonio s. ha detto...

non basta essere giovani per essere pure bravi, onesti e competenti. Secondo me Renzi è solo "giovane"!

Anonimo ha detto...

Non mi piace, punto e basta! Non chiedetemi perchè, ma non mi piace proprio per niente

Certosina55 ha detto...

Troppe chiacchiere e pochissimi, anzi zero, fatti!

vittorio ha detto...

Se Renzi pensa di riparare ai danni fatti dall'euro mettendoci 80 euro in busta paga per poi ritoglierci con le tasse, allora si sbaglia di grosso: io alle prossime elezioni o annullo o voto 5stelle, basta con questi mestieranti della politica.

michelino ha detto...

Per salvare l'Italia ci vorrebbe un miracolo e Renzi non è il Padreterno, quindi... rassegnamoci al peggio!!!

minema ha detto...

In ogni contesto, istituzionale o meno, ovunque lo si ascolti, il ns terzo Presidente nominato, Matteo Renzi, proclama azioni provvedimenti e leggi, che trasudano di una presunta concretezza, come mai nessun predecessore è riuscito a fare. Ci mette l’impegno e la grinta che compete a chi vuol davvero cambiare le carte in tavola. Ha messo mano alle forbici, per, finalmente, cominciare a tagliare davvero gli sprechi, non considerando gli ammonimenti di Giorgio Napolitano. Si gioca il tutto per tutto, visto che in caso di debacle, per lui non ci sarà una delle tanto ambite poltrone. Ha promesso 80 euro, da maggio, nelle buste di 10.000.000 di lavoratori, non una tantum, ma un contributo fisso che dovrà mantenere negli anni a venire. Sta cercando di smontare gli enti inutili, dopo che ha proposto un tetto ai mega stipendi dei manager pubblici, che non li ha fatto impazzire di felicità , e che in vitu’ di questo, secondo Moretti, scapperanno all’estero. Nel suo mirino anche le municipalizzate, quelle che per la verità, qualche grattacapo da sindaco glie l’hanno dato. Non so dove lo faranno arrivare, questo Presidente scomodo, uno come lui che ha permesso al Sig. Berlusconi ( che giovedi’ saprà se dovrà espiare la sua pena ai domiciliari oppure ai servizi sociali) di varcare la porta del Pd romano, e con lui ha scritto ( e stà scrivendo) a quattro mani, le riforme. Le conclusioni potrebbero essere due: O Renzi è ancora piu’ furbo, di quanto non sembri, ed imbarcato, l’amico/nemico ( che suo malgrado possiede sempre una grossa porzione di elettorato) è pronto a scenderlo alla prossima fermata, oppure hanno strinto un patto, magari programmato con Verdini, per dare vita ad un nuovo partito Renzi/Berlusconi, che senza intoppi nel cammino potrebbe fare strike. Sono illazioni, le mie, che lasciano il tempo che trovano, viviamo in un Paese nel quale vengono arrestate decine di pericolosissimi terroristi, intenti a confezionare un carro armato, col quale attaccare Roma, malviventi che dialogano, passando dalle salamelle alle molotov a grappa che si sono bevuti. Lo Stato quando serve c’è, ha messo in gattabuia i cattivi e sequestrato quella ruspa cosi’ pericolosa. Renzi, come detto è sicuro e tira dritto per la sua strada, che speriamo coincida con la nostra.”Sono sicuro che tutti gli eletti del Pd si attesteranno sulle posizioni scelte dai nostri elettori e dai nostri organismi”. “Il mio partito, ha detto, ha fatto scelte coraggiose. Se qualcuno prova ora ad alzare la voce affinché le cose annunciate non si facciano: beh, non mi spavento”. Alla domanda su chi sia a ostacolare le riforme risponde: “Se vuole l’elenco finiamo domattina..”. “Non mi sfugge che tra burocratici e politici ci sia un sacco di gente che sta facendo il tifo perché il governo fallisca. Ma resteranno delusi”.

amianto ha detto...

L'unica coa certa è che alle prossime elezioni europee la stragrande maggioranza degli italiani se ne starà tranquillamente a casa, altro che urne, quelle del 25 maggio sono urne cimiteriali!!!

giallo ocra ha detto...

Popolo di debosciati che non siete altro... ma neppure la fatica di andare a votare volete sopportare? E allora che malgoverno vi colga tutti!

vincenza s. ha detto...

Il voto non ha mai cambiato nulla, sono tutti uguali e bene che va dopo le elezioni c'è soltanto il solito valzer delle poltrone: basta io on voto!

BASTA EURO ha detto...

L'unico modo per uscire dalla crisi è aumentare la produzione ed il metodo più veloce è quello di emettere moneta e svalutare di pari passo. Questo lo si può fare uscendo dall'euro e tornado alla lira, riprendendoci la sovranità monetaria, oppure, molto meglio, restando nell'euro, svalutarlo rispetto alla valuta di stati extra comunitari, adottare un organismo comunitario eletto da tutti i cittadini europei con poteri di politica monetaria comune a tutti gli stati.In pratica si dovrebbe procedere all'unione politica in forma federale dei paesi area euro. Con una moneta debole aumenterebbero le esportazioni e diminuirebbero le importazioni.

giuliana69 ha detto...

C'è apatia e disinteresse nei confronti della politica da parte degli italiani. Manca la partecipazione ed il coinvolgimento dei cittadini e loro, i mestieranti della politica, fanno il bello e d il brutto tempo: ovvero fanno come gli pare!!!

siamo finiti ha detto...

L'unico sistema per evitare la fine dell'Italia è tagliare la spesa pubblica: meno impiegati e più efficienza, altrimenti faremo tutti una brutta fine!

5stelle ha detto...

Renzi vuole sterilizzare i 5stelle, sta agli elettori impedirglielo votando compatti per Beppe Grillo alle prossime elezioni Europee.

M5stelle ha detto...

Hanno paura del movimeto5stelle, se la stanno facendo nelle brache, tanto vinciamo noi e vi mandiamo tutti a casa!

vittorio f. ha detto...

Riforma del Senato e legge elettorale. Per il presidente del Consiglio si profila un percorso di guerra, al termine del quale non è escluso vi sia una tomba per il suo governo. Un ritardo, o, peggio ancora, un fallimento della promozione riformistica sarebbe una catastrofe per l'ex sindaco di Firenze, che ha ripetutamente dichiarato: se non riesco a eliminare il bicameralismo perfetto, mi ritiro dalla politica. Fossimo in lui, faremmo già le valigie!!!

giulio ha detto...

Non credo a Renzi, così come non credo a Berlusconi o a Grillo. Credo solo in me stesso e nelle mie forze, tutto il resto è fuffa che non mi dà da mangiare!

veneziano ha detto...

Tutti uguali i politici, dovrebbero dimettersi in blocco, tanto a cosa servono? A far crescere il debito pubblico e a massacrarci di tasse!?

nello ha detto...

A cosa serve il Parlamento Italiano se gli ordini arrivano da Bruxelles? A casa, cari politici, dovete andare a casa, non servite a niente e a nessuno!!!

max ha detto...

Mi è più facile credere ad un asino che vola, piuttosto che a Matteo Renzi o chi per lui che sta lì per fare il bene dell'Italia e degli italiani!!!

jridosky ha detto...

Qualche persona che capisce c'è, ma è una mosca bianca ,non abbiamo piu' niente .:no sovranita',governi fantocci,voti la destra e si alleano con la sinistra e..viceversa.Disonesta' alle stelle,MARCI fino alle radici,egoismo all'estremo,MAFIA E CAMORRA a tutti i livelli,mi sapete dire cosa ci aspettiamo di buono?????Eppure ancora sento dire...SPERIAMO.....ma cosa! COSA????

Anonimo ha detto...

La propaganda di Renzi è come il trattore truccato carro armato dei secessionisti veneti: un bluff!

alfio ha detto...

Adesso capisco perchè lo chiamano tutti "il figlio di Berlusconi" è un cantastorie come e peggio di Silvio.

orsini giulio ha detto...

il pifferaio Renzi non m'incanta. Guadagno 1200 euro al mese e gli mando a dire chiaro e tondo: tieniti quegli 80 euro, non voglio la tua elemosina. basta ipocrisie, mandiamoli tutti a casa, W il MoVimento!

gianni mi ha detto...

Chi crede alle promesse elettorali di fonzie o è un ebete oppure uno che ci guadagna qualcosa: io no!

marta66 ha detto...

non mi fido di Renzi, non mi fido della politica: stanno tutti lì per fare i propri interessi, non certo per il nostro bene