mercoledì 24 settembre 2014

Scissione Pd: è tempo di andare ognuno per la propria strada!

“Non chiedo riconoscenza, ma rispetto. Col mio 25 per cento Renzi sta governando…. E' necessario avere un rapporto più amichevole con il suo partito". 
Lo ha detto Pier Luigi Bersani, replicando alle critiche contro la vecchia guardia del partito da parte del premier e segretario del Pd. 
Ora, che Matteo Renzi non sia simpatico alla nomenclatura del Nazzareno non è certo questa la clamorosa novità, come pure che la stima tra 'vecchi e nuovi' dem non sia reciproca per il semplice motivo ché non c'è mai stata, né mai ci sarà.
Fatto sta che il “rispetto” non lo si chiede elemosinandolo in uno studio televisivo: Bersani è - o almeno dovrebbe essere e fare - Bersani, non 'l’imitazione dell'imitazione' di Crozza! 
Il “rispetto” lo si ottiene nelle piazze, tra la gente e nelle urne quando si va al voto, e se occorre, come è necessario che sia in questo particolare momento storico della sinistra italiana, uscendo dal PdR (Partito democratico di Renzi). 
Una scissione? Sì. E’ inutile e controproducente portare avanti un matrimonio finito ancor prima di essere stato celebrato. Vieppiù quando scopri che tua moglie sta facendo gli occhi dolci al dirimpettaio. 
“Bersani & compagni” farebbero bene a fare fagotto e ad andarsene via di corsa con le proprie gambe, finchè sono ancora in tempo, prima di essere cacciati via dal Nazzareno rinunciando alla paternità della sinistra storica e costretti a passare pure gli alimenti all’ex compagno! 
“Bersani & compagni” farebbero bene a racimolare le loro cose, a prendere ciò che rimane di quel 25% con cui Renzi sta governando, a sbattere con forza e determinazione la porta in faccia alle giovani marmotte del premier, a tirare fuori gli attributi e a fondare “una nuova casa della sinistra” che ancora crede nel welfare, nel lavoro, nello Statuto dei lavoratori, nell’articolo 18, negli uomini e nelle donne, prima di tutto, e non solo nel capitale e nel profitto a tutti i costi.

4 commenti:

Nella Crosiglia ha detto...

Si, approvo incondizionatamente..e poi che succederà?
Abbraccio amico mio?

M5S ha detto...

Renzi sta riuscendo dove non sono riusciti Monti e Berlusconi, sta trattando la Cgil come uno straccio per la polvere: compagni del Pd cosa aspettate ad occupare le sedi e far sentire la vostra voce? La battaglia per l'art. 18 è 'occasione per mandare a casa Renzi.

aldino ha detto...

La battaglia per l'art.18 ha un senso politico generale: avviare una nuova offensiva di ampia portata contro il lavoro e le sue garanzie. Dopo verrà l'attacco all'illicenziabilità della Pa, l'ulteriore taglio dei salari, l'ulteriore dequalificazione della forza lavoro e la definitiva espulsione del sindacato alle aziende. Tappe che vedremo succedersi rapidamente, una volta ottenuta la legittimazione di una vittoria sulla questione dell'art. 18: quello che conta qui, più che la questione in sé, è la sua valenza simbolica!!!

Sx ha detto...

Questo Pd non sta dalla parte dei lavoratori, ma da quella del padrone. Renzi sta facendo cose che neppure berlusconi e soci avrebbero mai pensato di fare: è lui la nuova destra!