lunedì 19 ottobre 2015

Quel gran genio del... 'premier senza voto'.

Quel gran genio del 'premier senza voto'. Lui sa cosa fare. Lui sa come riformare. Con un parlamento in mano fa miracoli. Ti abbassa le tasse, alzandole un po’. E non picchi in testa, così forte no. E puoi ripartire. Certamente non volare - men che mai 'votare' - ma tirare a campare.
Sì tirare a campare evitando le buche più dure, senza per questo cadere nelle crisi di governo, gentilmente senza strappi alla maggioranza e tornare a campare. E di notte con i fari illuminare il gruppone dei “transfughi” sempre pronto a votare. Chiaramente senza sapere dove andare. Quel gran genio del 'premier senza voto', con le mani in pasta, capisce molto meglio, meglio certo di rottamare, riparare… ripartire - col Petrolio giù e il Quantitative easing sù - certamente non volare - men che mai 'votare' - ma tirare a campare. Sì, tirare a campare! Lui, quel gran genio del 'premier senza voto', ha trasformato Montecitorio in un distributore automatico di voti e quando c’è da far passare un provvedimento non deve far altro che introdurre una moneta e digitare ciò che gli occorre. Così se la minoranza dem è indisponibile ad abrogare l’Articolo 18 e a riformare la Costituzione basta digitare Ncd e FI. Se poi qualcuno fa i capricci per le unioni civili ci sono sempre i voti di Sel e 5Stelle. E quando proprio la deve fare sporca può contare sui "transfughi" in standby. Insomma, basta inserire la moneta, digitare il codice e il distributore automatico sforna il decreto legge selezionato! Lui, il “premier senza voto”, è un grande genio. Tutti gli altri son nessuno!

8 commenti:

Anonimo ha detto...

Più che un gran genio mi sembra un pupazzone con quelle giacchettele risicate!

fuf ha detto...

Altro che Casini con la politica dei 2 forni, questo di forni ne ha uno per ogni occasione

Anonimo ha detto...

Ha creato un circuito vizioso secondo il quale qualsisi legge presnti trova sempre qualcuno disposto a votarla, se non è un genio lui....

Anonimo ha detto...

un grande politico, un piccolo statista

eila ha detto...

se la canta e se la suona, noi no contiamo niente, gli serviamo solo come bancomat

serio ha detto...

Aspettando il giorno delle elezioni, per mandarlo a casa, non mi resta che abbozzare

Rex ha detto...

meglio un giorno da gasparri che cento da renzi, e con questo ho detto tutto

denio ha detto...

non c'è più nessuna speranza di salvezza, dobbiamo subire, pagare e afre pippa: questa è la democrazia!