martedì 1 marzo 2016

In Italia paghiamo le tasse più salate d'Europa.

Ultimi in tutto, primi per tasse. Questa è l'Italia di Matteo Renzi. Basti pensare che con una tassazione a livello europeo, ciascun italiano risparmierebbe 557 euro all'anno, pari, in termini complessivi, a 34 miliardi di euro. Senza considerare che nel Belpaese i lavoratori sono i meno pagati del Vecchio continente! Nel 2014 (ultimo anno in cui è possibile effettuare la
comparazione) la pressione fiscale nel nostro Paese si è attestata al 43,6% del Pil. La media dei 19 Stati che utilizzano la moneta unica, invece, si è stabilizzata al 41,5%: 2,1 punti in meno che da noi. Nella comparazione, l'Ufficio studi della Cgia ha calcolato anche i maggiori o minori versamenti che, a livello pro capite, 'scontiamo' rispetto a quanto si verifica altrove. Ebbene, se la tassazione nel nostro Paese fosse in linea con la media europea ogni italiano avrebbe appunto risparmiato 557 euro nel 2014 . Effettuando il confronto con la Germania, invece, ne emerge che paghiamo mediamente 1.141 euro all'anno in più rispetto ai tedeschi. Analogamente, versiamo 1.593 euro in più rispetto agli olandesi, 1.779 euro in più dei portoghesi, 2.389 euro in più degli spagnoli e ben 3.531 euro in più rispetto agli irlandesi. Solo i cugini transalpini (+ 1.195 euro), i belgi (+982 euro) e i finlandesi (+80 euro), sono chiamati ad effettuare uno sforzo fiscale superiore al nostro. E poi, neanche a dirlo, paghiamo più tasse di tutti per avere i servizi più scadenti dell'eurozona.

8 commenti:

Silvia ha detto...

Questo di Renzi è il più dannoso e peggior governo che l'Italia abbia MAI avuto. Per chi lo ha votato : Non votate mai più PD. Nessu governo poteva fare peggio di così. Non c'è altro da dire.

GINO ha detto...

OBBLIGHIAMO CHI VIVE DI POLITICA A LAVORARE (TIPO FARE OPERAIO CHE ASFALTA LE STRADE CON 40 GRADI ALL'OMBRA) PER UN MESE SOLTANTO. DOPO DI CHE FACCIAMOGLI DECIDERE QUANTO DEVONO ESSERE STIPENDI E PENSIONI DI CHI DEVE FARLO PER TUTTA LA VITA.

lena59 ha detto...

Istat: "Il Pil italiano è cresciuto dello 0,8% nel 2015". La prima lama lo ha alzato. La seconda lo trancerà di netto.

Unknown ha detto...

Continuano a prenderci per il c... con questi numeri al rialzo bastardi ipocriti,poveri chi continua a crederli bisogna dare una svolta netta a questo paese abbiate coraggio gente.

gesuino doneddu ha detto...

Continuano a prenderci per il c... con questi numeri al rialzo bastardi ipocriti,poveri chi continua a crederli bisogna dare una svolta netta a questo paese abbiate coraggio gente.

carla ha detto...

sì, abbiate coraggio, armatevi e partite? Bisogna muoversi tutti insieme!

ratio ha detto...

Inizia tu, vai avanti tu che... a me mi viene da ridere in questo paese di pagliacci!

Elio ha detto...

Sono d'accordo che le imposte sul reddito sono più alte che in altre nazioni europee, ma bisogna considerare il tutto. Le tasse sulla casa sono molto più basse che qui in Francia dove, personalmente pago 3.500 euro all'anno oltre a 3.000 euro di CSG. Quindi, anche se pagassi meno imposte sul reddito, alla fine il conto rimane sempre lo stesso. Io sono nella peggiore postura: imposte in Italia e tasse in Francia. Pazienza.