venerdì 29 settembre 2017

Residenze spostate da Roma ad Amatrice per incassare bonus terremoto.

Ce la prendiamo spesso e volentieri con i politici - 'capro espiatorio' di noi cittadini non sempre senza macchia e senza peccato - che accusiamo di essere ‘poco onesti’, e poi di fronte al terremoto del Centro-Italia, tutti pensano a guadagnarci sopra. Si resta letteralmente basiti, senza parole, alla notizia di sospetti trasferimenti di residenza da Roma verso Accumoli ed Amatrice per usufruire dei contributi statali erogati per far fronte all’emergenza terremoto
e stanziati per aiutare le popolazioni colpite dal sisma. Questa è la triste riprova del fatto che i politici non sono una razza a parte, non sono marziani, ma molto più semplicemente l’esatta espressione del popolo che rappresentano in parlamento e nelle istituzioni. Ma che speranza ha il nostro Paese di potercela fare, se ogni volta che c’è una disgrazia, tutti si ingegnano a rubare invece di rimboccarsi le maniche e mettersi a lavorare per la ricostruzione? Che tristezza infinita. Che vergogna!

Nessun commento: